Consumi a picco nell’anno nero del Covid. Il 2020 vede infatti un crollo dell’11,7% con una perdita complessiva di oltre 126 miliardi di euro, registrando il peggior dato dal secondo dopoguerra. E pesa in particolar modo una riduzione del 60,4% della spesa dei turisti stranieri, pari ad una perdita di circa 27 miliardi di cui 23 miliardi soprattutto nelle regioni del Centro-Nord, Lazio e Toscana in testa. A scattare la fotografia dell’Annus horribilis dei consumi è Confcommercio con un rapporto sul periodo 2019-2021 che sottolinea come il crollo della domanda abbia comportato in media "una perdita di oltre 2.000 euro a testa" rispetto al 2019, riportando i consumi "ai livelli del 1995".