Il peggio dovrebbe essere passato. Ma il condizionale, visti i tempi, è d’obbligo. E mentre gli analisti prevedono per l’Italia un rimbalzo del Pil fino a +6%, torna in presenza a Fieramilano ’Tuttofood’, la piattaforma internazionale dell’agroalimentare che rappresenta da sempre un momento unico di networking con buyer nazionali e internazionali.

Tante le novità in mostra grazie alla presenza di  quasi 1000   gli espositori ,  di cui 150 esteri, provenienti da 30 Paesi (Spagna, Grecia, Paesi Bassi, Belgio, Germania, con presenze anche da Portogallo, Regno Unito e Irlanda, Francia, Paesi Nordici, Repubblica Ceca, Romania, Ungheria). Da fuori Europa, interessanti presenze da Medioriente e Nord e Sud America (Usa, Perù, Uruguay) e da Oceania o Indonesia. Di rilievo le collettive, quali Eat Nordic (Danimarca, Norvegia e Finlandia), Balcani (Slovenia, Serbia e Kosovo) e da Grecia, Irlanda, Spagna e Stati Uniti.

E poi gli eventi che sono molti, oltre 100 a cominciare da Retail Plaza, occasione dove fare il punto sull’innovazione nella GDO e nel mondo del Retail, un format che vede la  partnership con le università IULM e LIUC Castellanza e con istituti di ricerca come IRI, Nielsen ed Eumetra.Sempre all’interno di Retail Plaza, il Pastaria Festival  TUTTOWINE l’Enoteca UIV, a cura dell’Unione Italiana Vini, dove saranno proposti affondi sulle eccellenze dei territori.

E ancora   Evolution Plaza è invece dedicata agli aspetti più tech: app, food delivery, e-commerce, tracciabilità e proporrà iniziative e buone pratiche di grandi player, start-up innovative ed espositori. Il 22 ottobre si terrà la giornata di Netcomm, consorzio italiano del commercio digitale, dedicata a tendenze e opportunità di crescita dell’e-commerce alimentare, mentre il 24 e il 25 sarà la volta di Charmen, che organizzerà due incontri dedicati alla Food Photography. Sempre il 25 due appuntamenti con DNV, ente di certificazione internazionale con una forte specializzazione anche nel Food. Di rilievo anche lo spazio Innovation Area, dove avranno visibilità i prodotti premiati con il nuovo Better Future Award in collaborazione con Gdoweek e MarkUP, dedicato alle eccellenze alimentari presenti in manifestazione.

Per scoprire e approfondire in anteprima i trend di acquisto e consumo quest’anno c’è anche la novità Tuttofruit, area dedicata al fresco ortofrutticolo e alle innovazioni della IV e V gamma, che integra gli ultimi settori lanciati come Tuttohealth, Tuttodigital e Tuttowine. Continua anche il consolidamento di settori storici come Tuttodairy, Tuttodrink, Tuttofrozen, Tuttogrocery, Tuttomeat, Tuttooil, Tuttopasta, Tuttoseafood, Tuttosweet, Tuttoworld.

Sempre numerose e di prestigio le collaborazioni con associazioni e realtà del settore. Le più recenti new entry sono Restaurants Canada, la più grande e rappresentativa organizzazione del fuoricasa nel Paese nordamericano, e Chic (Charming Italian Chef), associazione che riunisce oltre cento professionisti italiani e stranieri capaci di reinterpretare l’universo cucina in modo innovativo. E tra gli altri partner di Tuttofood 2021 Assica, Apci, Dnv, Dolce Italia, FederBio, Ice, IRi, Netcomm, Pasta Italia, Retail Institute Italy, Unione Italiana Food, UnionAlimentari, Unas, Unione Italiana Vini

Prima  volta invece  in manifestazione per Filiera Italia. La realtà associativa che riunisce il mondo agricolo e l’industria agroalimentare italiana d’eccellenza ha infatti stretto un accordo con TUTTOFOOD, da sempre è in prima linea per la difesa e la crescita del Made in Italy. Una collaborazione strutturata e continuativa per promuovere la proiezione internazionale dei prodotti italiani e per diffondere sempre meglio l’eccellenza del Made in Italy alimentare nel mondo.

https://www.tuttofood.it/