Venerdì 19 Luglio 2024

Chiude il traforo Aosta: Confindustria lancia l'allarme

Chiusura del traforo del Monte Bianco per lavori di manutenzione: il governo italiano cerca di realizzare una seconda canna per evitare le possibili chiusure di tre o quattro mesi l'anno fino al 2042. Impatto economico e sociale preoccupante.

Una manciata di minuti dopo le 8, l’ultimo mezzo a passare sotto la volta è un autoarticolato. Ma fino al massimo al 18 dicembre gli unici veicoli a entrare nel traforo del Monte Bianco saranno quelli delle imprese incaricate dei lavori di manutenzione. La chiusura totale sarà contenuta entro le nove settimane, non più le 15 come previsto inizialmente. Lo stop del Frejus ai mezzi pesanti dell’estate scorsa per una frana in Maurienne ha infatti cambiato i programmi. Rinviato al 2024 il più lungo cantiere-test per ristrutturare 600 metri di volta, quest’anno sotto il Monte Bianco saranno sostituiti tutti i 76 ventilatori e verrà rinnovato l’impalcato stradale nella zona centrale della galleria. Il mondo della politica e dell’economia è in subbuglio. Oltre a sollecitare una riapertura anticipata, il presidente della Regione Valle d’Aosta, Renzo Testolin, fa sapere di voler approfondire le "ricadute negative di questa chiusura".

Dal canto suo, Confindustria Valle d’Aosta lancia all’allarme per gli effetti delle possibili chiusure di tre o quattro mesi l’anno fino al 2042, nel caso si procedesse dal 2024 con il rinnovamento della volta: "Siamo seriamente preoccupati. Stiamo parlando di quasi il 9,8% di Pil, di quasi 1.500 posti di lavoro che andrebbero persi, e non più recuperabili", attacca il presidente, Francesco Turcato, secondo cui l’unica soluzione "è la realizzazione di una seconda canna". L’opera costerebbe "1,2-1,3 miliardi e se si utilizzasse il metodo post ponte Morandi ci vorrebbero dai tre ai quattro anni per realizzarla: in cinque anni dal progetto, il tunnel sarebbe transitabile. A quel punto chiuderebbe quello vecchio lasciando il tempo alle imprese di lavorare". Una soluzione che il governo italiano sta provando a portare avanti, ma che vede Parigi piuttosto fredda.