MILANO

SPESSO le iniziative di educazione finanziaria, pur con le migliori intenzioni e un grande sforzo di qualità, finiscono per avere una veste e dei toni piuttosto scolastici, quell’approccio un po’ paludato e didascalico tipico della divulgazione scientifica. E quando si rivolgono a giovani e giovanissimi non ci si dimentica mai che sono fatte da esperti di una certa età che fanno cadere dall’alto i loro consigli e il loro sapere. Non è certo il caso di ‘Colazione a Wall Street’, un progetto di educazione finanziaria ‘crossmediale’, che si avvale dei social e dei canali digitali per raggiungere soprattutto un pubblico di millennials e che è realizzato, a sua volta, proprio da un millenial: il consulente finanziario poco più che trentenne Francesco Casarella. Il suo stile è quello molto personale degli youtuber di oggi, in cui i contenuti vengono presentati da un protagonista che ci mette la faccia e diventa un personaggio familiare. Nei suoi video, concepiti appunto per essere visti nello spazio della colazione, Casarella spiega borse e mercati in modo diretto e accattivante e al pubblico la cosa sembra piacere: tra blog e pagina Facebook sono oltre 15mila gli utenti unici e il canale Instagram, appena aperto, ha già oltre 6mila follower («e senza sponsorizzazioni», precisa lui). Per gli affezionati della carta è uscito anche il libro ‘Colazione a Wall Street’ con Uno Editori.

Casarella, come è nata questa avventura?

«Ho iniziato un paio di anni fa, quando anche per il mio lavoro di consulenza per grandi banche mi sono reso conto che davvero i giovani ne sanno pochissimo. Oltre ad averne fatto la mia professione, io sono incredibilmente appassionato di questa materia. Ha presente quando si dice che gente come Antonio Conte parla sempre e solo di calcio? Ecco, anche io sono monotematico: parlo solo e sempre di investimenti».

Non è riuscito a contenere l’entusiasmo, insomma…

«Sì, mi sono chiesto come fare a trasmettere questa stessa passione alle persone. Volevo coinvolgerle e ispirarle. Così, insieme alla mia fidanzata Francesca Caterina Santin, ho iniziato a fare i primi video al mattino, usando la chiave della ‘colazione’ perché per noi italiani quello è un momento familiare e bello. Hanno avuto successo ed eccomi qui».

Il suo pubblico è fatto di molti ragazzi. Cosa le dicono?

«I giovani tra i 20 e i 30 anni, talvolta anche meno, spesso mi ringraziano. Una ragazza mi ha scritto che con i miei contenuti ha preso 30 all’esame di macroeconomia: sono soddisfazioni che valgono anche più dei soldi. E quando l’anno scorso abbiamo fatto una ricerca per dei collaboratori, si sono presentati in oltre 40 pronti ad aiutarci».

La sua community è cresciuta e adesso si ritroverà fisicamente in un evento a Milano il prossimo 11 ottobre, giusto?

«Esatto, è il nostro ‘Business Breakfast: investimenti, networking e fintech’, il primo evento ufficiale che ha già da tempo registrato il tutto esaurito. Si tratta di una serie di brevi interventi e tavole rotonde con alcuni tra i maggiori esperti del mondo della finanza. Saliranno sul palco insieme a me ad esempio Valentino Magliaro, uno dei 30 giovani più influenti d’Italia secondo ‘Forbes’, Antonello Sanna, l’ad di Solutions Capital Management Sim, e tanti altri protagonisti e realtà del settore».