Wall Street in forte calo (Ansa Ap)
Wall Street in forte calo (Ansa Ap)

Milano, 6 dicembre 2018 - L’effetto Huawei affossa le Borse europee, mentre Wall Street chiude contrastata. Milano chiude a -3,54%. Pesano sul listino le sofferenze dei produttori di microchip per la bufera semiconduttori cinesi e il calo del greggio, che trascinano in basso tutto il resto. Giornata nera per Piazza Affari, di nuovo sotto la soglia psicologica dei 19mila punti, sopra alla quale si trovava dallo scorso 26 novembre. Le piazze di Milano, Parigi, Londra e Francoforte cedono tutte oltre il 3%. 

L’arresto del direttore finanziario di Huawei, Meng Wanzhou, in Canada ha penalizzato in particolare i produttori di componenti elettronici da Ams (-10,3%) a Siltronic (-7,39%), da Stm (-5,75%) ad Asm (-4,55%) ed Infineon (-3,46%). Sotto pressione, con il calo del greggio a quota 50,7 dollari, i petroliferi Tullow (-6,27%), Aker Bp (-6,17%), Lundin (-4,72%), Shell (-4,52%), Repsol (-4%), Total (-2,85%) ed Eni (-2,73%). 

Piazza Affari risulta la peggiore in Europa in conseguenza dei timori di un riacutizzarsi della guerra commerciale tra Usa e Cina dopo l’arresto in Canada della direttrice finanziaria di Huawei, per la quale Washington punta all’estradizione. Sul fronte interno, continuano a pesare le incertezze legate alla trattativa sulla manovra tra Unione Europea e governo italiano, con lo spread che è tornato a fare capolino sopra i 290 punti base. In questo contesto, a soffrire oltre ai tecnologici, sono stati i bancari e gli energetici, con le quotazioni del petrolio in netta flessione in attesa della decisione Opec che potrebbe non formalizzare alcuna decisione su un eventuale taglio alla produzione. Il risultato finale ha visto il Ftse Mib chiudere a quota 18.643 punti, in picchiata del 3,54%, sui minimi di giornata. In linea l’All Share che ha perso il -3,64%. 

Wall Street chiude invece contrastata recuperando terreno. Il recupero è avvenuto dopo che il Wall Street Journal ha riportato che la Federal Reserve sta esaminando se segnalare la necessità di una pausa dopo il probabile rialzo dei tassi nella sua riunione di dicembre. Il Dow Jones ha perso lo 0,32% a 24.947,67 punti, mentre il Nasdaq avanza dello 0,42% a 7188,26 punti. Lieve flessione per l'indice S&P500: -0,15%, a 2695,95 punti.