Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Salute Itinerari

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Borsa, Milano chiude a +2,3% con le banche. Spread a 233, ai minimi da luglio

Il mercato promuove l'intervento del ministro Tria a Cernobbio

Tria: "Riforme graduali, inutile sforare il deficit se lo spread si mangia le risorse"

Ultimo aggiornamento il 10 settembre 2018 alle 17:56
Il ministro dell'Economia, Giovanni Tria (LaPresse)

Roma, 10 settembre 2018 - Piazza Affari chiude tonica mentre riprendono fiato anche le altre Borse europee, dopo la cappa di allarmismo su un possibile conflitto commerciale aperto tra Usa e Cina. Londra termina sulla parità, Parigi (+0,33%) e Francoforte (+0,22%) recuperano dopo i lievi cali in avvio. Milano ha preso il volo, spinta dalle banche, con l'indice Ftse Mib che chiude a +2,30%, vicino ai massimi di giornata, a 20.918,90 punti.

Il mercato intanto promuove l'intervento del ministro dell'Economia, Giovanni Tria, a Cernobbio. A testimoniare che le rassicurazioni fornite dall'inquilino di via XX settembre sulla tenuta dei conti pubblici sono piaciute agli investitori è l'andamento dello spread tra Btp decennali e omologhi Bund tedeschi che questa mattina ha toccato quota 233 punti, il livello più basso da un mese. Il rendimento dei titoli italiani si attesta al 2,75%. A 107 punti si colloca invece lo spread tra Bonos spagnoli e Bund, con il tasso delle obbligazioni iberiche all'1,46%.

Tra l'altro a soffiare in poppa al mercato italiano è anche un report di Morgan Stanley, che sostiene che tenendo conto dei livelli dello spread le azioni italiane sono sottovalutate. La banca d'affari americana vede un potenziale recupero del 12%. Così volano le azioni delle banche, con Banco Bpm a +4,85% e Intesa Sanapaolo in rialzo del 4,53%, mentre Mediobanca termina a +4,4%.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.