Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
2 ott 2014

Borsa, Milano precipita a -3,7%. Mercati delusi da Draghi

Piazza Affari depressa dal crollo delle banche, di Yoox e di Finmeccanica. A Milano bruciati 119 miliardi di capitalizzazione

2 ott 2014

Milano, 2 ottobre 2014 - Chiusura drammatica per la Borsa di Milano con il Mib che ha perso il 3,92%. Mario Draghi delude i mercati e un'ondata di vendite si abbatte su tutti i listini continentali. Piazza Affari torna dunque sotto quota 20mila (a 19.894 punti). Dopo che la Bce ha lasciato i tassi invariati, il presidente dell'istituto di Francoforte ha illustrato il prossimo programma di acquisto di Abs e covered bond, deludendo tuttavia gli operatori sia sull'ammontare complessivo (1000 miliardi di euro compresi i prossimi TLtro) sia sulla durata (due anni).

Inoltre, Draghi non ha accennato ad alcuna manovra di quantitative easing (sul modello della Fed), considerata ormai dai mercati come la prossima mossa per rivitalizzare un'economia che lo stesso Draghi ha giudicato sempre più in difficoltà. Così a Milano, oltre al passo falso delle banche (Intesa Sanpaolo ha perso il 5,5%, Unicredit il 4,8%), va segnalato il -6,4% di Finmeccanica dopo il taglio dell'outlook da parte di S&P e il -5,4% di Yoox che paga il crollo (-13%) della matricola Zalando a Francoforte. Si salvano Ferragamo (-1%) e Gtech (-0,8%). Sul fronte valutario l'euro si attesta a 1,264 (stabile rispetto a metà seduta) mentre il petrolio cede lo 0,7% a 90 dollari al barile.

Il Dax di Francoforte cede l'1,99% a 9.195,68 punti, l'Ftse 100 di Londra segna -1,69% a 6.446,39 punti, il Cac 40 di Parigi perde il 2,91% a 4.242,67 punti, l'Ibez di Madrid arretra del 3,12% a 10.418,1 punti. L'indice Stoxx 600, che fotografa l'andamento dei principali titoli dei listini continentali, ha ceduto il 2,4%, che equivale a 222 miliardi di euro bruciati in una seduta. Piazza Affari, la peggiore, con un calo del 3,76% dell'indice Ftse All share, ha 'perso' da sola 19 miliardi di capitalizzazione.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?