Borsa Italiana (Ansa)
Borsa Italiana (Ansa)

Milano, 15 febbraio 2019 - Gira in positivo la Borsa Italiana. Milano apre oggi in calo (-0,18%), ma in chiusura il Ftse Mib di Piazza Affari vola a +1,9%, trainata dalle banche in forte rialzo. Pesa anche l'apertura in progresso di Wall Street, col Dow Jones a +0,86%. Sulla scia le altre Piazze europee, dopo un avvio fiacco dovuto al calo dei listini asiatici. Madrid chiude a +2%, Francoforte +1,89%, Parigi +1,79% e Londra +0,55%. Spread tra Btp e bund tedeschi chiude a 270 punti base col rendimento del decennale italiano al 2,80%.

Piazza Affari corre con le banche. Banco Bpm segna un +6,94%, Unicredit +5,3%, Ubi +5%, Intesa +3,18%, Bper +4,63%. Forte anche Banca Generali (+4,66%). Sul listino da notare il volo di Tim (+6,40%) dopo che la Cassa Depositi e Prestiti ha esplicitato l'intenzione di accrescere la propria partecipazione nel gruppo. Bene anche Eni (+2,30%), dopo l'approvazione dei conti 2018 e tra i titoli del settore salgono Saipem (+3,92%) e Tenaris (+2,34%).

FITCH TAGLIA STIME - Intanto però l'agenzia di rating Fitch taglia le stime di crescita dell'Eurozona nel 2019 dall'1,7% all'1% sottolineando come "negli ultimi mesi i dati sull'attività economica dell'Eurozona si sono deteriorati in modo più drastico che in altre parti del mondo". L'Italia è il Paese che frena di più, con le previsioni sul Pil ridotte dall'1,1% allo 0,3%, insieme con la Germania (dall'1,7% ad appena sotto l'1%). Per la Francia la revisione è dall'1,7% all'1,4% e per la Spagna dal 2,3 al 2,1%.

"EUROSCETTICI AUMENTANO TENSIONI" - "La prospettiva di crescenti forze euroscettiche" all'interno del Parlamento europeo dopo le elezioni "potrebbe aumentare le tensioni sui mercati finanziari, danneggiare la fiducia e ridurre gli investimenti". Così afferma Fitch nel report con cui ha tagliato le stime di crescita dell'Eurozona, ricordando che il leader della Lega, Matteo Salvini, "sta cercando alleanze politiche con gli altri leader europei per formare un largo blocco euroscettico nel Parlamento Europeo", che Fitch ritiene resterà comunque "una minoranza".

"POSSIBILE RIAVVIO DEL QE" - "Il deterioramento delle prospettive di crescita e il calo delle aspettative di inflazione potrebbero spingere la Banca centrale europea a considerare il riavvio degli acquisti di asset, cioè il Qe": lo sottolinea l'agenzia di rating Fictch in report sull'Eurozona. "Ci aspettavamo già che la Bce ritardasse l'inizio della sua normalizzazione delle politiche, sia in termini di tassi di interesse che di riduzione del bilancio, ma ora crediamo che" l'Istituto "prenderà seriamente in considerazione il riavvio degli acquisti di asset relativamente presto", ha spiegato Robert Sierra, Director del team Economics di Fitch.

WALL STREET - Apertura in progresso per Wall Street: l'indice Dow Jones guadagna lo 0,86% a 25.654 punti, il Nasdaq avanza dello 0,62% a 7.471 punti, mentre lo S&P 500 mette a segno un progresso dello 0,71% a 2.765 punti. 

BORSE ASIATICHE - Chiusura in calo per i mercati azionari cinesi che hanno risentito dell'incertezza sull'esito dei negoziati commerciali sino-statunitensi e della intonazione negativa di Wall Street. L'indice Hang Seng Composite della borsa di Hong Kong ha perso l'1,87%, ovvero 531,21 punti, a 27.900,84 punti. Nella Cina continentale, l'indice composito della Borsa di Shanghai ha chiuso in calo dell'1,37%, ovvero 37,31 punti, a 2.682,39 punti. La borsa di Shenzhen, da parte sua, ha segnato una flessione dello 0,67%, ovvero 9,37 punti, a 1.389,47 punti.