Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
4 mag 2022

Bonus 200 euro, ipotesi ritocco: le ultime novità

Il governo vorrebbe introdurre delle correzioni al testo del decreto aiuti: erogazione più veloce

4 mag 2022
Un momento della cabina di regia sul decreto aiuti, presieduta dal premier Mario Draghi, a Palazzo Chigi, 02 maggio 2022.
ANSA/ UFFICIO STAMPA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO/ FILIPPO ATTILI
+++ ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING +++
Cabina di regia sul decreto aiuti, presieduta da Draghi (Ansa)
Un momento della cabina di regia sul decreto aiuti, presieduta dal premier Mario Draghi, a Palazzo Chigi, 02 maggio 2022.
ANSA/ UFFICIO STAMPA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO/ FILIPPO ATTILI
+++ ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING +++
Cabina di regia sul decreto aiuti, presieduta da Draghi (Ansa)

Roma, 4 maggio 2022 - Il Decreto Aiuti potrebbe essere modificato, anche nella parte che riguarda il bonus 200 euro per i redditi sotto i 35mila euro (ne dovrebbero beneficiare circa 28 milioni di italiani). Il governo infatti si appresta a riprendere in mano il testo per alcuni "aggiustamenti tecnici". Le correzioni andrebbero in direzione di una erogazione più veloce possibile del contributo una tantum destinato a lavoratori e pensionati. Si parla anche di estendere alle aziende agricole gli aiuti del fondo per le imprese maggiormente colpite dalla crisi in Ucraina. Le modifiche richiederanno un ulteriore passaggio in Consiglio dei ministri e la riunione potrebbe svolgersi già domani.

Approfondisci:

Bonus 200 euro, nuovo Cdm per "aggiustamenti"

Nella maggioranza c'è tensione sulla norma appena varata: il Movimento 5 Stelle non ha digerito né l'attacco del premier al Superbonus del 110%, né la norma sull'inceneritore di Roma inserita nel decreto. "Spero non si pensi neppure lontanamente di mettere la fiducia", avverte Giuseppe Conte. E ancora: "Dicono spesso che vogliamo far cadere il governo. Io comincio a pensare che qualcuno voglia spingerci fuori dall'esecutivo". "Se questa fosse l'intenzione ce lo dicano chiaramente - prosegue l'ex premier -. Chiedo rispetto per gli 11 milioni di cittadini che hanno votato il Movimento". 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?