3 mag 2022

Dal bonus 200 euro alle bollette: le 7 cose da sapere sul decreto aiuti

Imprese agricole, trasporti pubblici, superbonus villette, aziende: cosa prevede il provvedimento

Roma, 3 maggio 2022 - Approvato il Decreto aiuti per aiutare imprese e famiglie a fronteggiare la crisi economica causata dalla guerra in Ucraina. Un provvedimento del 14 miliardi di euro. Tra le novità ci sono il prolungamento del taglio delle accise sui carburanti (oltre a benzina e diesel è stato aggiunto anche il metano) fino all'8 luglio e  il bonus "una tantum" da 200 euro per lavoratori e pensionati con un reddito fino a 35mila euro. Quest'ultimo dovrebbe arrivare nei cedolini dei pensionati con la cosiddetta quattordicesima di luglio, per i dipendenti nello stesso mese o anche a giugno (i datori potranno anticipare in busta paga il contributo). Ma ecco, in pillole, quali sono gli altri provvedimenti decisi dal governo Draghi.

Superbonus 110: perché rischia di saltare. Le ultime notizie

Bonus 200 euro: come funziona e chi rischia di restare senza

Il decreto aiuti in pillole
Il decreto aiuti in pillole
Approfondisci:

Bonus 200 euro autonomi, come richiederlo è un rebus: cosa sappiamo

Le parole di Draghi e cosa prevede il nuovo decreto

Imprese agricole e fotovoltaico

Le imprese del settore agricolo, zootecnico e agroindustriale potranno realizzare "impianti fotovoltaici sui tetti delle proprie strutture" e vendere l’energia.

Trasporti pubblici

Nel decreto di aiuti alle famiglie che il governo ha approvato è stato inserito anche  uno sconto di 100 euro sugli abbonamenti annuali per i mezzi di trasporto pubblico locale. 

Bollette

Il rinnovo degli interventi per il terzo trimestre sulle bollette prevede anche un secondo ampliamento al tetto Isee per ottenere il bonus sociale, che diventa retroattivo. Quindi eventuali pagamenti di somme eccedenti sarà automaticamente compensato in bolletta una volta presentato l'Isee fino a 12mila euro.

Aziende

Il governo guidato da Mario Draghi ha previsto anche un ampliamento del credito d’imposta per le imprese energivore e gasivore.

Superbonus villette

Il comparto dell’edilizia avrà una nuova modifica delle norme sul Superbonus al 110%: proroga al 30 settembre (dal 30 giugno) del termine entro il quale eseguire almeno il 30% dei lavori sulle villette per sfruttare il maxi-incentivo.

Superbonus e cessione crediti

Sempre per quanto riguarda il Superbonus, sono stati tolti alcuni paletti nella possibilità di cedere i crediti fiscali da parte delle banche.

Cantieri: adeguamento prezziario

Per le imprese, si preparano circa 3 miliardi per adeguare i prezziari dei cantieri ai rincari generalizzati e da parte del Mise un fondo per le aziende più direttamente colpite nei loro affari dalla crisi in Ucraina (200 milioni).

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?