L’Antitrust ha comminato a Enel Energia, Servizio Elettrico Nazionale ed Eni gas e luce una sanzione complessiva di 12,5 milioni, accusandole di aver ingiustificatamente rifiutato le richieste di alcuni utenti di mandare in prescrizione bollette inviate dopo due anni. Si trattava di una possibilità introdotta dalla Legge di Bilancio 2018 e che permetteva agli utenti di non pagare le bollette sui consumi di luce e gas fatturate tardi, salvo i casi in cui ci fossero oggettive responsabilità. Le società addebitavano agli utenti la responsabilità della mancata lettura dei contatori a fronte dei tentativi di lettura dichiarati dal distributore. Le società nell’annunciare che faranno ricorso dichiarano

di aver sempre agito correttamente.