Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
16 gen 2022

I 'minatori' di Bitcoin: chi sono i nuovi migranti della crisi energetica

La Cina ha dato l'avvio al domino mettendo al bando le criptovalute. Ora l'aumento dei costi dell'energia elettrica mette alle corde la produzione del denaro virtuale

16 gen 2022
andrea bonzi
Economia
(FILES) In this file photo taken on July 19, 2021 this illustration photograph shows a physical banknote and coin imitations of the Bitcoin crypto currency, in Istanbul. - Bitcoin slid below $40,000 on January 10, 2022, falling to its lowest level since the end of September as the world's leading cryptocurrency showed no end to its volatility. Bitcoin dropped to $39,663.18, having soared to a record high of over $66,000 in October. (Photo by Ozan KOSE / AFP)
Bitcoin (Ansa)
(FILES) In this file photo taken on July 19, 2021 this illustration photograph shows a physical banknote and coin imitations of the Bitcoin crypto currency, in Istanbul. - Bitcoin slid below $40,000 on January 10, 2022, falling to its lowest level since the end of September as the world's leading cryptocurrency showed no end to its volatility. Bitcoin dropped to $39,663.18, having soared to a record high of over $66,000 in October. (Photo by Ozan KOSE / AFP)
Bitcoin (Ansa)

Roma, 16 gennaio 2022 - Non hanno la valigia di cartone in mano, ma quella dei ’minatori’ di bitcoin appare sempre più una vita da emigranti. Il fenomeno è stato ribattezzato dai media cinesi – ancora una volta, tutto parte da Pechino – come great mining migration, è in corso da quasi un anno ma è ben lungi dall’essere esaurito. Le ragioni dell’esodo sono diverse: la Cina – che fino al 2020 era il vero paradiso di questo discusso investimento – ha dato l’avvio al ’domino’ mettendo al bando le criptovalute, e spingendo i minatori informatici a trasferirsi negli Stati Uniti (in particolare in Texas) e in vari Paesi europei, soprattutto nell’Est. Ma ora è l’aumento dei costi dell’energia elettrica a mettere alle corde la produzione di questo denaro virtuale e a generare nuovi spostamenti. Un'attività energivora Il bitcoin e i suoi fratelli, infatti, vengono ’creati’ risolvendo formule matematiche attraverso potenti gruppi di computer in rete fra loro: un’attività altamente energivora, che consuma moltissimo. Quanto? Nell’ultimo report dell’Università di Cambridge, si legge che il mining globale di bitcoin consuma 125,96 terawattora all’anno di elettricità, più di Paesi come Norvegia (122,2 TWh), Argentina (121 TWh), Paesi Bassi (108,8 TWh) ed Emirati Arabi Uniti (113,20 TWh). Il caso del Kosovo L’ultimo caso è quello del piccolo Kosovo, che ha vietato l’estrazione di bitcoin a causa dei vasti e ripetuti blackout segnalati negli ultimi mesi dell’anno scorso. Avendo uno dei più bassi costi di energia d’Europa (grazie all’abbondanza di lignite, una tipologia economica di carbone), la piccola repubblica staccatasi dalla Serbia aveva attirato moltissimi minatori di bitcoin, in particolare nel nord del Paese. Ora, però, il governo kosovaro è stato costretto a spegnere la più grande centrale a carbone sul territorio e a importare energia dall’estero. Proprio nel momento di picco massimo dei ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?