Frena la corsa del Bitcoin. La più importante criptovaluta del mondo è arrivata a perdere ieri il 17%, precipitando fino a 45mila dollari, il 20% in meno rispetto al massimo record di 58.354 dollari toccato domenica scorsa. Due giorni fa, il segretario del Tesoro Usa, Janet Yellen, aveva definito il Bitcoin un asset "estremamente inaffidabile" per garantire le transazioni. A influire sul calo è stato anche il fondatore e ceo di Tesla, Elon Musk (in foto), che in un tweet aveva definito "elevate" le quotazioni della criptovaluta. Anche i titoli della sua società hanno segnato un forte ribasso, facendo perdere a Musk 15 miliardi di dollari.