9 mar 2022

Biden ferma il petrolio di Mosca, la replica di Putin: chiudo i rubinetti alla Ue

Lo zar prepara una nuova lista nera per bloccare l’export delle materie prime e fermare il gasdotto Nord Stream 1 . Sullo stop alle forniture l’Europa è più prudente: Germania, Francia e Italia sanno che le ricadute sarebbero pesantissime

claudia marin
Cronaca
featured image
featured image
(Ansa)

Joe Biden annuncia lo stop di tutte le importazioni di petrolio e gas dalla Russia per gli Usa. E anche la Gran Bretagna farà lo stesso entro la fine del 2022. Ma l’Europa non segue il partner Usa perché non può permetterselo e tenta la strada della progressiva autonomia energetica a medio termine. Il che non impedisce a Putin di reagire con annunci di ritorsioni: sarà compilata una lista nera di Paesi da "punire". Gli effetti dello scenario mondiale non si fanno attendere: a New York il petrolio vola, con le quotazioni del Wti che schizzano verso l’alto e il Brent oltre i 130 dollari al barile (+7%) per poi ripiegare dai massimi. L’embargo americano "Mettiamo al bando – spiega il Presidente Usa – ogni import di petrolio russo, con il supporto completo del Congresso. Non intendiamo finanziare questa guerra". Il blocco rincara la dose delle sanzioni al regno di Putin che già colpiscono la finanza, compresa la Banca centrale, le aziende di Mosca, gli oligarchi e l’export di tecnologia cara al Cremlino. Inoltre ieri l’agenzia di rating Fitch ha declassato il giudizio sulla Russia a “C”, livello che riflette l’opinione che un’insolvenza sovrana sia imminente. Tornando alle sanzioni gli americani, sottolinea Biden, andranno incontro a rincari delle bollette. Ma l’economia complessiva non è a rischio, dal momento che per gli Stati Uniti il greggio russo rappresenta un modesto 3% del totale delle importazioni di oro nero. Nel mirino di Washington c’è anche l’oro. La gran bretagna Stessa linea, ma gradualità nel tempo, del "divorzio energetico" per la Gran Bretagna, che "si distaccherà dalla dipendenza dal petrolio russo entro la fine dell’anno, rendendo più pesante il pacchetto di sanzioni", conferma il premier Boris Johnson. Una scelta non difficilissima dal momento che l’isola importa da Mosca un quantitativo residuale di queste ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?