Giovedì 25 Luglio 2024
VITTORIO BELLAGAMBA
Economia

Caro benzina, petizione di Altroconsumo: “Ripristinare lo sconto sulle accise e azzerare l'Iva”

Già 103mila cittadini hanno firmato. “In questa estate 2023 stiamo assistendo a rincari dei carburanti inaccettabili”

Roma, 19 agosto 2023 – Le associazioni dei consumatori definiscono “inaccettabili” i rincari dei carburanti. Da Altroconsumo, in proposito, sottolineano: “Il governo ha adottato misure blande, i cartelli con i prezzi medi, che, come prevedibile, si sono rilevate del tutto inefficaci. Fino all’inizio di quest’anno era in vigore lo sconto sulle accise, una misura straordinaria che, pur non essendo incisiva come l’azzeramento dell’Iva, un po’ di respiro agli automobilisti lo aveva dato. Altroconsumo chiede che venga immediatamente reintrodotto il taglio delle accise e soprattutto che si proceda quanto prima all'azzeramento dell’Iva, che grava anche sulle accise stesse e che rappresenta l'unica misura strutturale necessaria. Il governo deve ora intervenire in maniera rapida e senza indugi: lo chiedono anche gli oltre 100mila cittadini che già hanno sottoscritto la petizione di Altroconsumo”.

Prezzi alle stelle per la benzina (Ansa)
Prezzi alle stelle per la benzina (Ansa)

Le proposte dei consumatori

Analizzando il contenuto alla base della petizione proposta da Altroconsumo emerge, infatti, come l’azzeramento dell’Iva possa diventare la misura più efficace. Nel testo delle petizione infatti i responsabili di Altroconsumo evidenziano: “Noi riteniamo che sia ormai arrivato il momento di agire direttamente sull'Iva, azzerandola, come abbiamo chiesto già nella nostra lettera al governo. Infatti, essendo l'Iva una percentuale, avrebbe un impatto maggiore rispetto al taglio delle accise in caso di futuri aumenti delle materie prime e di possibili speculazioni in un mercato già estremamente precario”. Misure simili a quelle adottate anche dal precedente governo Draghi: “Nel 2022, nonostante la riduzione delle accise e a causa dell’aumento dei prezzi dei carburanti dovuto alla guerra tra Ucraina e Russia, ogni automobilista ha speso circa 130 euro in più rispetto al 2021 (ipotizzando un consumo di 900 litri all'anno). Con la nostra proposta di azzeramento dell’Iva ogni automobilista avrebbe invece risparmiato 150 euro ad auto per il rifornimento di benzina”. Su tali presupposti si basa la proposta dell'associazione dei consumatori: “Nel 2023, seguendo la nostra proposta di azzerare l’Iva, il risparmio sarebbe di circa 400 euro in meno ad auto. Infatti, solo nei primi sei mesi dell’anno avremmo risparmiato oltre 200 euro per il pieno della benzina. Attualmente, invece, ne abbiamo già pagati 115 euro in più rispetto al 2021 (prezzi dicembre 2021)”.

Approfondisci:

Benzina alle stelle, ecco come risparmiare

Benzina alle stelle, ecco come risparmiare

Azzerare temporaneamente l'Iva

La proposta di azzerare temporaneamente l'Iva è per l'associazione dei consumatori una strada percorribile per giungere alla soluzione momentanea del problema: “Proprio per evitare aumenti futuri dovuti anche alla speculazione, riteniamo che la strada da percorrere sia ora quella dell'azzeramento temporaneo dell'Iva, che con la sua aliquota, attualmente al 22% determina il prezzo finale in modo decisivo. Il suo azzeramento è l’unica garanzia di un rallentamento della crescita del prezzo alla pompa dei carburanti. Continuiamo pertanto la nostra battaglia chiedendo alle istituzioni di eliminare l'Iva sui carburanti, sia sul costo industriale sia sulle accise”.