Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
1 giu 2022

Benzina, i prezzi galoppano ancora. Torna l’incubo della verde a 2 euro. Chi ci guadagna

Federconsumatori: "Sovrapprezzo di 23 centesimi al litro al netto del costo del petrolio"

1 giu 2022
Un cartello dei prezzo del carburante praticato in un distributore di Milano, 10 marzo 2021. Sulla rete carburanti nazionale si fanno ancora sentire gli effetti dei maxi-rincari sui mercati dei giorni scorsi nonostante il netto calo registrato ieri . In base all'elaborazione di Quotidiano Energia dei dati alle 8 di ieri comunicati dai gestori all'Osservaprezzi carburanti del Mise, il prezzo medio nazionale praticato della benzina in modalità self schizza a 2,124 euro/litro (ieri 2,048), con i diversi marchi compresi tra 2,108 e 2,168 euro/litro (no logo 2,082). Il prezzo medio praticato del diesel self vola a 2,074 euro/litro (ieri 1,966) con le compagnie posizionate tra 2,042 e 2,121 euro/litro (no logo 2,061). Quanto al servito, per la benzina il prezzo medio praticato cresce a 2,216 euro/litro (ieri 2,154) con gli impianti colorati che mostrano prezzi medi praticati tra 2,164 e 2,316 euro/litro (no logo 2,120). La media del diesel servito sale a 2,172 euro/litro (ieri 2,074) con i punti vendita delle compagnie con prezzi medi praticati compresi tra 2,158 e 2,241 euro/litro (no logo 2,095). ANSA/DANIEL DAL ZENNARO
Prezzi della benzina in crescita
Un cartello dei prezzo del carburante praticato in un distributore di Milano, 10 marzo 2021. Sulla rete carburanti nazionale si fanno ancora sentire gli effetti dei maxi-rincari sui mercati dei giorni scorsi nonostante il netto calo registrato ieri . In base all'elaborazione di Quotidiano Energia dei dati alle 8 di ieri comunicati dai gestori all'Osservaprezzi carburanti del Mise, il prezzo medio nazionale praticato della benzina in modalità self schizza a 2,124 euro/litro (ieri 2,048), con i diversi marchi compresi tra 2,108 e 2,168 euro/litro (no logo 2,082). Il prezzo medio praticato del diesel self vola a 2,074 euro/litro (ieri 1,966) con le compagnie posizionate tra 2,042 e 2,121 euro/litro (no logo 2,061). Quanto al servito, per la benzina il prezzo medio praticato cresce a 2,216 euro/litro (ieri 2,154) con gli impianti colorati che mostrano prezzi medi praticati tra 2,164 e 2,316 euro/litro (no logo 2,120). La media del diesel servito sale a 2,172 euro/litro (ieri 2,074) con i punti vendita delle compagnie con prezzi medi praticati compresi tra 2,158 e 2,241 euro/litro (no logo 2,095). ANSA/DANIEL DAL ZENNARO
Prezzi della benzina in crescita

Milano, 1 giugno 2022 - Dopo il via libera all’embargo sul petrolio russo, i prezzi dei carburanti alla pompa sono di nuovo in forte salita, in scia ai rincari che si sono registrati sui mercati all’ingrosso. Il taglio delle accise, in vigore fino all’inizio di luglio al netto di probabili proroghe da parte del governo, non basta per calmierare i rincari. La verde in modalità self ieri è salita di nuovo oltre 1,91 euro, il diesel a 1,83. Stando alla consueta rilevazione di Staffetta Quotidiana, mercoledì mattina Eni ha aumentato di due centesimi al litro i prezzi consigliati della benzina e del gasolio. Stesso rialzo per IP e Q8. Per Tamoil +4 centesimi al litro sulla verde e +3 sul diesel. Benzina di nuovo vicina ai 2 euro: perché aumenta e il fattore Cina Rincari Da quando è iniziata l’invasione russa all’Ucraina, calcola l’Unione consumatori, un litro di benzina costa oltre 3 cent in più, il gasolio 9 cent. Rispetto ad un anno fa, stima il Codacons, per un litro di verde si spende il 20% in più, il 26% per il diesel. L’Osservatorio Nazionale Federconsumatori ha calcolato, tenendo conto delle variazioni del costo del petrolio, del livello di cambio e del taglio delle accise, che sui carburanti vi è un sovrapprezzo di circa 23 centesimi. Questo si traduce, per una famiglia che effettua 2 pieni al mese di 50 litri, in un aggravio di 264 euro annui. "Rincari elevatissimi e ingiustificati, che fanno lievitare a dismisura i prezzi dei beni di largo consumo", sostiene Federconsumatori. Taglio delle accise C’è poi da considerare che l’attuale taglio delle accise finisce l’8 luglio e con l’estate alle porte si rende necessario un nuovo intervento. L’ha confermato la sottosegretaria all’economia Maria Cecilia Guerra: un nuovo intervento è "molto probabile", anche perché con l’aumento ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?