Lunedì 15 Luglio 2024

Banche, finanza e politica: il futuro è adesso

Dal 12 al 16 giugno a Roma il Congresso nazionale Fabi: faro su contratto nazionale, digitale e ruolo sociale degli istituti

di Egidio Scala

Il rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro degli oltre 280mila dipendenti. L’evoluzione tecnologica, il digitale e l’impatto dell’intelligenza artificiale. Il rapporto tra politica e finanza, le evoluzioni delle fusioni e delle acquisizioni nel settore, la redditività in aumento, lo scenario internazionale. Ma anche la politica monetaria della Bce con l’aumento del costo del denaro che impatta sui tassi praticati sui prestiti a imprese e famiglie e i rischi di una forte restrizione del credito.

Questi i temi al centro del 22° Congresso nazionale della Fabi, in programma a Roma, all’Ergife Palace Hotel, dal 12 al 16 giugno. ’Our destiny in our hands’ ovvero ’Il nostro destino nelle nostre mani’ è il titolo del congresso che celebra il 75° anniversario della Fabi, fondata a Milano nel 1948. Nei cinque giorni di lavori, sotto i riflettori finiranno anche il ruolo sociale del settore bancario e la minore presenza sul territorio degli istituti.

Oltre a quella del presidente dell’Abi, Antonio Patuelli, è prevista la presenza degli amministratori delegati di tutti i principali gruppi bancari: Carlo Messina (Intesa Sanpaolo), Andrea Orcel (Unicredit), Giuseppe Castagna (Banco Bpm), Piero Montani (Bper), Luigi Lovaglio (MPS), Giampiero Maioli (Crédit Agricole Italia), Elena Goitini (Bnl Bnp Paribas), Camillo Venesio (Banca del Piemonte) oltre a Mauro Paoloni, membro del cda di Banco Bpm. Una delle tavole rotonde sarà dedicata al rapporto tra mondo bancario e assicurazioni, con protagonista il presidente di Unipol, Carlo Cimbri.

Tanti tra giornalisti, direttori di quotidiani, conduttori tv, editorialisti ed esponenti delle università che parteciperanno ai dibattiti. I lavori inizieranno alle 13 di lunedì 12 giugno con l’introduzione del segretario generale della Fabi, Lando Maria Sileoni, seguita dalla relazione del segretario generale aggiunto della Fabi, Giuliano De Filippis. Poi le tavole rotonde, durante le quali saranno discussi i temi di strettissima attualità che interessano il settore bancario e non. Il rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro sarà al centro di un confronto fra tutti i segretari dei sindacati, compreso Sileoni, con la presidente del Comitato affari sindacali e del lavoro (Casl) dell’Abi, Ilaria Dalla Riva: Riccardo Colombani (First Cisl), Susy Esposito (Fisac Cgil), Fulvio Furlan (Uilca), Emilio Contrasto (Unisin). Il mondo del credito cooperativo sarà rappresentato dal presidente e dal vicepresidente di Federcasse, Augusto Dell’Erba e Matteo Spanò, dal direttore generale di Iccrea, Mauro Pastore. Sono inoltre previsti interventi: del segretario generale aggiunto della Fabi, Mauro Bossola; del responsabile dipartimento Welfare della Fabi, Vicenzo Saporito; del responsabile coordinamento Pensionati ed esodati della Fabi, Tommaso Brindisi; della coordinatrice Fabi Agenzia Entrate-riscossione, Anna Maria Landoni.

Le regole che disciplinano i rapporti di lavoro in banca saranno il focus dell’intervento dell’avvocato Paolo Berti. Spazio, sia martedì 13 sia mercoledì 14 giugno, ai ’confronti aziendali’, a cui parteciperanno i rappresentati delle principali banche del Paese: Massimiliano Calvi (Iccrea), Pasquale Del Buono (Cassa centrale banca), Christian Tanner (Raiffeisen), Alfio Filosomi (Intesa Sanpaolo), Emanuele Recchia (Unicredit), Roberto Speziotto (Banco Bpm), Roberto Coita (Mps), Giuseppe Corni e Andrea Merenda (Bper), Gianluca Reggioni (Crédit Agricole Italia), Carlo Fazzi (Bnl Bnp Paribas).

Per la Fabi si alterneranno sul palco i segretari nazionali, Luca Bertinotti, Mauro Morelli, Mattia Pari e Guliano Xausa, i rappresentanti e i coordinatori di gruppo Piergiuseppe Mazzoldi, Domenico Mazzucchi, Ulrich Untersulzner, Paolo Citterio, Stefano Cefaloni, Paolo Fontana, Guido Fasano, Antonella Sboro, Cinzia Losi, Luigi Mastrosanti, Fabio Armeni. I lavori potranno essere seguiti in diretta streaming su www.fabi.it e sulla pagina Facebook Fabi. Altri contenuti in tempo reale sui canali social e sul sito dedicato congresso.fabi.it