di Achille Perego

Una nuova corporate identity, un nuovo marchio e il primo sound brand della sua storia. A 37 anni dalla sua fondazione, Banca Ifis cambia volto rinnovandosi nel rispetto della propria identità e lo fa dotandosi, prima in Italia nel settore bancario, di una sonic brand identity validata da test neuroscientifici per individuare il suono migliore sul modello delle sigle che identificano marchi come Intel o McDonalds. E che consentirà agli imprenditori e alle imprese (core business di Banca Ifis insieme con la gestione dei portafogli Npl), ai quali verranno proposti prodotti nuovi con una spinta maggiore sul digitale, di riconoscere subito la banca.

Il sound brand, che si declina in un’unica armonia diffusa e riconoscibile, darà più forza al marchio (il logo è un ‘digital bloom’ formato da un elemento grafico a cerchio che rappresenta le persone, nucleo pulsante della banca, e si ispira ai colori della natura) e accompagnerà l’immagine di Banca Ifis. La specialty finance italiana che da sempre coniuga passato e futuro: una lunga storia di famiglia (i Furstenberg oggi alla seconda generazione) con uno spiccato Dna innovativo. Una ‘banca digitale, sostenibile, autentica’. La cui mission, vecchia e nuova, viene espressa nel payoff (‘Il valore di crescere insieme’) della campagna di comunicazione multicanale on air (nella foto sotto) partita a fine giugno. E presentata in streaming all’interno di un’intera giornata-evento ‘on air’ che, con il supporto tecnico del team di Radio Deejay, ha coinvolto da remoto tutti i 1.800 dipendenti del gruppo, per il 90% ancora in smart working.

"Anche di fronte all’emergenza da Covid-19 non ci siamo fermati – spiega il vicepresidente Ernesto Fürstenberg Fassio (a sinistra nella foto)–. Il rebranding è un grande progetto, al quale lavoriamo da mesi, un’altra tappa del nostro lungo viaggio e un’occasione per far vedere all’esterno quello che siamo. Vogliamo rafforzare il posizionamento della banca tra le migliori anche a livello di brand strategy, portare i nostri colori all’estero, stare al passo con i tempi ed esprimere la modernità dell’istituto anche attraverso un brand contemporaneo e digitale. La nuova immagine di Banca Ifis è stata concepita nel solco della lunga storia familiare, con al tempo stesso uno spiccato Dna innovativo".

"La crescita della banca – aggiunge l’ad Luciano Colombini (a destra nella foto) – deve essere accompagnata da un brand forte, riconoscibile e innovativo. E il rebranding di Banca Ifis si pone esattamente questo obiettivo. Vogliamo rafforzare il nostro ruolo nel presente e nel futuro partendo da quello che siamo, professionalmente ed umanamente. Questa nuova corporate identity darà più forza al business, accrescendo l’immagine di Banca Ifis come protagonista dello sviluppo del territorio, mediante la sua riconoscibilità nazionale come operatore del settore bancario, aumentandone la reputazione, fidelizzando i clienti attuali e intercettandone di nuovi".

Banca Ifis conferma quindi la sua vocazione di banca dell’economia reale e la volontà di consolidare le sue posizioni di mercato. Anche in un periodo non facile per la pandemia, il patrimonio tiene con un indice Cet1 sopra l’11%, tra i migliori in Italia, e il 2020 vedrà, conclude Colombini, "un utile visibile". Infine, per rafforzare la presenza digitale del gruppo, è stato realizzato un nuovo portale (www.bancaifis.it), al quale si affiancano sei siti specializzati su tematiche verticali: ifisnpl.it, credifarma.it, ifisrealestate, nplmeeting.it, bancaifis.ro, ifis.pl.