Interni eleganti dal gusto caldo e accogliente. Linee morbide e filanti, con falchette ribassate e prese d’aria laterali. Sono le caratteristiche del Severin’s, il nuovo yacht da 55 metri firmato Baglietto. Il layout dello scafo ha richiesto uno sviluppo molto particolare, nato dalla collaborazione tra il cantiere, Francesco Paszkowski Design e l’architetto Margherita Casprini, che rende la barca perfetta anche per un utilizzo charter. Una zona di conversazione accoglie gli ospiti a poppa del ponte principale. Il salone, con arredi Minotti, ha al centro un enorme tavolo da pranzo rotondo in quercia laccata poggiato sul pavimento in marmo che interrompe il perimetro in moquette. Un ascensore panoramico in cristallo e marmo collega i tre ponti. La zona di prua è dominata dalla suite armatoriale, cui si aggiungono due ulteriori cabine per gli ospiti più intimi. Altre due cabine per gli ospiti si trovano a centrobarca sul ponte inferiore, dove sono presenti anche le sei cabine per l’equipaggio. Degno di nota il ponte sole, marchio di fabbrica delle imbarcazioni Baglietto firmate Paszkowski. L’area a prua è occupata da una grande piscina, una zona bar e un prendisole. L’area poppiera offre grande spazio al beach club, area a diretto contatto con il mare, che include una zona benessere con gym, bagno turco e area relax. Un maxi schermo di circa 6 metri quadrati occupa la parete interna in quest’area. L’imbarcazione, motorizzata con due motori Caterpillar 3516C DITA, può raggiungere una velocità massima di 17 nodi e quella di crociera di 12 nodi.

Baglietto, inoltre, ha recentemente varato il MY Run Away, yacht di 37 metri che inaugura la linea Dom in alluminio, nata dalla collaborazione del cantiere con il designer Stefano Vafiadis. La linea Dom (da domus, in latino “casa”) nasce essenzialmente dal concetto di un’imbarcazione che racchiuda le sensazioni legate alla propria residenza: uno spazio intimo e sereno, confortevole, elegante e funzionale. Il MY Run Away presenta caratteristiche non comuni per un’imbarcazione della sua lunghezza, come il terrazzino privato nella cabina padronale, o l’ascensore che collega tutti i ponti. Degni di nota in questo yacht sono anche i considerevoli volumi interni grazie alla larghezza di 8,70 metri. Il layout è personale e prevede una configurazione a sei cabine, con quella armatoriale sul ponte principale. Il ponte inferiore è interamente dedicato alla zona notte con quattro cabine per gli ospiti e una quinta adibita ad area gym. Totalmente dedicato ai momenti conviviali è il ponte superiore, mentre nel ponte sole si trova una zona bar, una per la conversazione e un’area prendisole con annessa una spaziosa vasca idromassaggio; una seconda area prendisole è situata a prua, sull’upper deck. A poppa il garage ospita un tender di 5,80 metri e il portellone abbattibile lascia spazio ad una spiaggetta dove poter prendere il sole a contatto con il mare.

f. r.