Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
8 lug 2021

Appalti per 3 miliardi, ma la Tav slitta al 2032

Telt affida le gare per la maxi-galleria di 45 chilometri in territorio francese. Ma il Covid ha frenato i lavori: almeno un anno di ritardo

8 lug 2021
Operai al lavoro in un cantiere di Chiomonte per la realizzazione della Torino-Lione
Operai al lavoro in un cantiere di Chiomonte per la realizzazione della Torino-Lione
Operai al lavoro in un cantiere di Chiomonte per la realizzazione della Torino-Lione
Operai al lavoro in un cantiere di Chiomonte per la realizzazione della Torino-Lione
Operai al lavoro in un cantiere di Chiomonte per la realizzazione della Torino-Lione
Operai al lavoro in un cantiere di Chiomonte per la realizzazione della Torino-Lione

Lo scavo del tunnel di base della nuova ferrovia Torino-Lione ottiene il via libera. I lavori che faranno prendere corpo all’infrastruttura del Corridoio Mediterraneo, che unisce la penisola iberica all’est europeo, partiranno nei prossimi giorni. Ieri il cda di Telt (Tunnel Euroalpin Lyon Turin), il promotore pubblico incaricato di costruire l’opera, ha firmato i contratti con le imprese che realizzeranno 48 chilometri complessivi, l’80% del totale del tunnel a due canne in territorio francese, per un importo complessivo pari a 3 miliardi di euro. Il passaggio successivo sarà l’affidamento dei lavori per i 12,5 chilometri della galleria sul versante italiano, che valgono circa un miliardo. "Le gare sono in corso – ha spiegato Mario Virano, direttore generale di Telt – Prevediamo di concludere l’iter nell’arco di qualche mese". Poi arriverà il momento di assegnare i lavori per tutti gli impianti tecnologici, pari a circa 2 miliardi di euro, dotazioni – ha spiegato ancora il direttore generale Virano – che saranno oggetto di revisione nelle prossime settimane "perché si tratta di un settore in continua evoluzione e il progetto dell’attrezzaggio tecnologico è ormai datato sette anni". Nello scavo in Francia saranno impegnate cinque frese, tutte orientate verso l’Italia, ma nei tratti più difficili per le loro caratteristiche geologiche si procederà anche con le tecniche tradizionali. Della maxi galleria in realtà sono già stati scavati circa 10 chilometri in una sola canna, ma il lavoro rientrava ancora tra quelli propedeutici. Tra i tre lotti assegnati ieri ci sono i 22 chilometri che vanno da Villarodin-Bourget a Modane fino al confine italiano, e per cui sono previsti 72 mesi di lavoro. Poi ci sono i 23 chilometri da Saint-Martin-La Porte a La PrazModane, per cui sono stimati 65 mesi, e, infine, i 3 chilometri tra Saint-Julien-Montdenis e Saint-Martin-La Porte, scavo da fare con ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?