Agrofood BIC (Business Innovation Center), un polo di innovazione aperta multi-azienda che lavora da gennaio 2019 su scala nazionale e internazionale per cogliere e valorizzare preziose opportunità di business, promuove la sua prima Agrofood BIC Call for Ideas, una call internazionale (valore: fino a 500.000 Euro) per supportare 5 team, spin-off o start-up nei settori nutrizione e salute e nuovi packaging sostenibili.

L’obiettivo della call è di trasformare in realtà imprenditoriali l’alto potenziale di innovazione di giovani, studenti e ricercatori che pensano di avere un’idea vincente. Agrofood BIC sosterrà giovani e promettenti start-up nella conversione delle loro idee in iniziative imprenditoriali concrete, aiutandole a risolvere tutte le difficoltà organizzative, operative e strategiche; favorirà l’incontro tra giovani imprese, mondo del lavoro e investitori, combinando servizi di incubazioneaccelerazione con competenze specifiche finalizzate a lanciare l’idea di business sul mercato; sosterrà lo sviluppo iniziale di spin-off e start-up mettendo loro a disposizione impianti pilota, assistenza in R&D, sviluppo del business, marketing e contabilità, affiancamento con professionisti e consulenti, accesso ad un network di relazioni nel mondo delle imprese e del credito e naturalmente uffici dedicati, spazi condivisi e strutture IT.

Due le aree e i settori di interesse: nutrizione e salute per rispondere all’esigenza di consumatori sempre più alla ricerca di cibo nutriente e gustoso che risponda a specifici bisogni legati alla salute, con particolare attenzione a cibi biologici e funzionali, integratori, nutraceutici, alternative allo zucchero. Soluzioni di packaging innovative con focus su smart packaging che forniscano informazioni preziose garantendo shelf life maggiori e qualità del cibo, soprattutto su lunghi tragitti e soluzioni di packaging sostenibili includendo parametri importanti come la riciclabilità, il riuso e la biodegradabilità.

Si raccoglieranno le candidature online sul sito www.agrofoodbic.it. Dovranno pervenire entro il 27 settembre 2020. A una prima selezione fatta da una commissione composta da tutte le aziende fondatrici di Agrofood BIC (Granarolo, Camst, Conserve Italia, Eurovo, Ima, Gellify) seguirà un approfondimento diretto. La lista dei progetti selezionati che saranno oggetto di investimenti e programmi industriali sarà resa pubblica entro il mese di dicembre 2020. "Nonostante il periodo difficile che come aziende stiamo vivendo, abbiamo scelto di non rinunciare a lanciare la Call di Agrofood BIC. È un segnale forte, diretto a comunicare ai giovani che crediamo importante promuovere un vero progresso fondato sui valori della cooperazione, del merito e della sostenibilità che si ispira anche al recente Green Deal europeo", ha commentato Gianpiero Calzolari (nella foto) presidente di Agrofood Bic.

"Foodtech e Agtech sono due mercati in grande crescita – ha commentato Michele Giordani, managing partner e fondatore di Gellify –, con le catene del valore più tradizionali del food che stanno registrando cambiamenti diffusi dovuti alla tecnologia, accelerati anche dagli impatti del Covid-19. Gli obiettivi della call riflettono questo scenario in mutamento, ragionando sugli elementi chiave del prodotto e dell’esperienza del consumatore".