DAL PORTO DI CHIOGGIA, tutte le notti, la flotta di pescherecci di Pam Panorama salpa per assicurare ai punti vendita Pam di tutto il territorio nazionale (oltre 600 tra diretti, in franchising e in master franchising) il rifornimento del miglior pesce fresco dell’alto Adriatico, "garantendo non solo freschezza, ma anche varietà e territorialità", spiega Luca Migliolaro (in basso, al centro) , direttore commerciale Freschi Freschissimi e Surgelati Pam Panorama. "La qualità di quello che i nostri clienti portano in tavola è la cosa più importante per noi e abbiamo sempre riservato la massima attenzione al reparto Pescheria – racconta –. Negli anni ’70 siamo stati tra i primi a introdurre nei supermercati il banco del pesce a servizio...

DAL PORTO DI CHIOGGIA, tutte le notti, la flotta di pescherecci di Pam Panorama salpa per assicurare ai punti vendita Pam di tutto il territorio nazionale (oltre 600 tra diretti, in franchising e in master franchising) il rifornimento del miglior pesce fresco dell’alto Adriatico, "garantendo non solo freschezza, ma anche varietà e territorialità", spiega Luca Migliolaro (in basso, al centro) , direttore commerciale Freschi Freschissimi e Surgelati Pam Panorama. "La qualità di quello che i nostri clienti portano in tavola è la cosa più importante per noi e abbiamo sempre riservato la massima attenzione al reparto Pescheria – racconta –. Negli anni ’70 siamo stati tra i primi a introdurre nei supermercati il banco del pesce a servizio e, da allora, siamo cresciuti fino ad arrivare alla flotta di pescherecci che ci permette di dare ai nostri clienti ogni giorno il meglio di ciò che il mare ha da offrire".

Crostacei, molluschi, mitili, sogliole, triglie e pesce azzurro in gran quantità vengono pescati ogni giorno. Pam Panorama, società che opera con le insegne Pam, Panorama, Pam local e Pam City fa parte di Gruppo Pam, gruppo di riferimento nel mondo della grande distribuzione italiana da oltre 60 anni. Gli oltre 600 punti vendita che compongono la rete Pam Panorama sono presenti in Piemonte, Lombardia, Liguria, Veneto, Trentino-Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Emilia-Romagna, Toscana, Umbria, Lazio, Abruzzo, Puglia e Campania. "Il reparto pescheria – aggiunge Migliolaro - rappresenta per noi il fiore all’occhiello, basti pensare che il pescato in Pam Panorama pesa il 46% sul totale del pesce proposto. Nell’ottica di un continuo miglioramento ed arricchimento dei nostri banchi abbiamo lavorato per ampliare la nostra flotta anche nel mar Tirreno e sulle coste del Lazio. Un percorso che è oggi in fase di estensione a tutta la rete di punti vendita e, perché no, ci permetterà di aprirci a nuove rotte".

In meno di 24 ore, il meglio della fauna ittica viene pescato, lavorato, appositamente conservato per assicurare sulla tavola un prodotto d’eccellenza e soprattutto freschissimo. Il segreto di questa velocità è il processo di lavorazione cortissimo, concentrato, con delle tempistiche ottimizzate in ogni fase al fine di preservarne la qualità. Il fattore umano è quello che, ovviamente, fa la differenza: l’esperienza dei pescatori e del personale altamente qualificato è l’elemento chiave che permette alla filiera corta di funzionare alla perfezione, garantendo la migliore qualità di un pesce che in 24 ore passa dal mare al banco del supermercato.

Il mare nel quale la flotta di Pam pesca è l’alto Adriatico, ricco dal punto di vista ecologico e faunistico, e il porto di partenza è quello di Chioggia, in provincia di Venezia. La flotta salpa prima dell’alba in direzione delle dighe, quella di Sottomarina e quella di Ca’ Roman, che segnano la bocca di porto di Chioggia. A bordo l’occhio esperto del comandante monitora gli strumenti per scorgere i banchi di pesci e decidere il momento migliore per calare le reti. I marinai si mettono all’opera e raccolgono il pescato in barca, lo selezionano in base alla qualità e ciò che supera l’attento controllo viene stipato in apposite cassette e ricoperto interamente di ghiaccio. Una volta rientrati in porto la materia prima passa dal centro di lavorazione dove sarà ulteriormente selezionata e conservata, fino alla sua veloce partenza verso i banchi pescheria di tutta Italia. Le tecniche di pesca, che utilizzano sonar ed ecoscandagli per circoscrivere le zone in cui sono presenti banchi di pesce e molluschi, rispettano la complessità ecologica e faunistica dell’Adriatico, un processo sicuro che si riflette nella bontà del pescato fresco.