Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
7 feb 2022

Nemo's Garden, il basilico adesso cresce sotto il mare

7 feb 2022
franca ferri
Economia
COLTURE IDROPONICHE A -10 METRI Ognuna delle sei biosfere (foto sopra e a sinistra) ha un diametro di circa 2 metri, ed è posizionata a profondità variabile fra i 6 e i 10 metri in una baia riparata vicino a Noli (Savona). Sono state coltivate oltre 100 specie di piante, compreso il tabacco. Nella foto in basso a sinistra: il ’raccolto’ di basilico
Nemo's Garden, il basilico adesso cresce sotto il mare
COLTURE IDROPONICHE A -10 METRI Ognuna delle sei biosfere (foto sopra e a sinistra) ha un diametro di circa 2 metri, ed è posizionata a profondità variabile fra i 6 e i 10 metri in una baia riparata vicino a Noli (Savona). Sono state coltivate oltre 100 specie di piante, compreso il tabacco. Nella foto in basso a sinistra: il ’raccolto’ di basilico
Nemo's Garden, il basilico adesso cresce sotto il mare

Roma, 7 febbraio 2022 - Coltivare basilico sott’acqua. E anche lattuga, erbe aromatiche, aloe: solo oltre cento le varietà di piante coltivate finora nelle biosfere di Nemo’s Garden, che si trovano a sulla costa ligure, a Noli (Savona), non lontano da riva e a una profondità che varia dai 6 agli 11 metri. "Lo scorso anno a settembre abbiamo anche fatto una ’festa del raccolto’ – racconta Federico Giunto –. Abbiamo più di cento piante, crescono molto bene le spezie, le erbe aromatiche, abbiamo piantato anche lattuga, aloe vera e abbiamo sperimentato il tabacco. Stiamo facendo ricerche per capire come queste piante possono essere utili: per noi è sfidante perché non sappiamo cosa andremo a scoprire". Il progetto Nemo’s Garden nasce dieci anni fa, nel 2012, grazie a Sergio Gamberini, fondatore e presidente dell’azienda di attrezzatura subacquea Ocean Reef Group. L’obiettivo di Gamberini era unire due passioni, quella per l’agricoltura e quella per la subacquea in una sfida per verificare i potenziali benefici dell’agricoltura sott’acqua. "Nemo’s Garden è con l’intento di creare un sistema di agricoltura alternativo e sostenibile – spiega Giunto – e strada facendo ci si è resi conto che ha prodotto anche altri effetti positivi: è diventata un riparo per i pesci e un’attrazione turistica. La gente viene vedere e i cavallucci marini che ci sono, ma anche le biosfere". Al momento è l’accesso è aperto a tutti: sub, snorkelisti e apneisti possono visitare l’area circostante le biosfere, ovviamente senza entrare nelle strutture e rispettando le regole generali di prudenza e sicurezza. Le biosfere posizionate a Noli sono 6, ancorate a una profondità fra i 6 e i 10 metri. Ogni biosfera ha un diametro di circa due metri, può ospitare due operatori contemporaneamente, ed è stata riempita d’aria con le bombole per creare una bolla, aria ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?