Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
6 giu 2022

Cereali, tornare a produrre contro il rialzo dei prezzi

6 giu 2022
featured image
Il Presidente di Confagricoltura, Massimiliano Giansanti
featured image
Il Presidente di Confagricoltura, Massimiliano Giansanti

È VERO che nel 2021 il nostro export agroalimentare ha fatto il record storico di 52 miliardi di euro (+11% sul 2020), però a concorrere al risultato sono soprattutto le esportazioni dell’industria alimentare (+11,6%) cioè pasta, olio, prosciutti, salumi, formaggi, olio, vino. Se si considera solo la componente agricola (cereali, semi oleosi, carne, latte ecc) ) le cifre dicono che il valore di 7,8 miliardi euro è cresciuto rispetto al 2021 (+8,8%) ma è meno della metà dell’import (16,3 miliardi euro, fonte Ismea). Quindi sulle materie prime agricole il deficit si è aggravato negli ultimi anni: è passato da 7,8 miliardi euro del 2019 agli 8,4 miliardi euro del 2021. La sintesi è che il nostro export è trainato dal food mentre il Paese resta deficitario sul fronte delle materie prime. Un deficit particolarmente grave nel momento attuale in cui, tra guerra e rialzo dei costi delle materie prime a livello internazionale (iniziato prima della guerra), l’autosufficienza è diventata un fattore strategico per il Paese. La guerra in Ucraina ha creato un corto circuito: da un lato parte della popolazione mondiale è a rischio fame (Nord e Centro Africa) dall’altro si deve rispondere alle richieste dei mercati più evoluti. E sul fronte del mercato interno non si può scaricare in toto l’aumento dei costi di produzione sui generi di prima necessità (pane, latte, pasta ecc). Come se ne esce? "Quarant’anni fa in Europa c’era il problema di eccedenze produttive da smaltire – ragiona il presidente di Confagricoltura, Massimiliano Giansanti –. Oggi, complici politiche poco lungimiranti, ci troviamo con una situazione opposta. Teoricamente, per rispondere al problema attuale di autosufficienza alimentare, avremmo bisogno di oltre 3 milioni di ettari in più da coltivare soltanto in Italia". Tre milioni di ettari che non ci sono. "C’è una questione importante da affrontare, che è ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?