cantinetta fai da te
cantinetta fai da te

Il vino rappresenta, soprattuto per gli italiani, una vera e propria passione: del resto la tradizione enologica è fortemente radicata nel DNA del nostro Paese e sono sempre di più le persone che decidono di avvicinarsi a questo mondo.  Definito come una sostanza in continua evoluzione, il vino, per essere conservato nel migliore dei modi necessita delle giuste cure e, per fare le cose al meglio, di una buona cantina.  Non è necessario avere a disposizione un grande spazio; che si viva in una grande casa o in un piccolo appartamento, una cantinetta può essere alla portata di tutti.

Quale luogo scegliere

La scelta del luogo dove costruire la cantina è fondamentale, perché deve permettere una buona conservazione del vino, nonché favorire un ottimo invecchiamento, non intaccando le sue proprietà. L’ideale è disporre di un seminterrato o un sottoscala, ancora meglio se orientati verso nord, interrati e leggermente aerati. La cantinetta può essere un frigo-cantina da inserire in un luogo che rispetti le esigenze per un'ottimale conservazione del vino, come ad esempio una cucina, un soggiorno, un angolo del salotto o un corridoio. Utilizzare un frigo-cantina permette di avere sempre a portata di mano le bottiglie di vino, per poterle stappare all'occorrenza. Nel caso si voglia dare un tocco più originale alla propria casa, una valida opzione può essere quella di costruire una cantina sotterranea, alla quale si potrebbe accedere direttamente dalla cucina, magari tramite una botola.

Elementi da non sottovalutare

Per costruire una cantina perfetta bisogna avere ben chiari in mente alcuni punti fondamentali, necessari per il perfetto mantenimento del vino. Tra questi:

- La luce, elettrica o solare che sia, è sempre nociva;

- L'umidità, invece, è importante, tanto che dovrà aggirarsi intorno al 70-80%;

- La temperatura, affinché si conservino al meglio le bottiglie, dovrà mantenersi tra i 10 e 15 gradi;

- Nell'ambiente dovrà scorrere la giusta quantità di aria;

- Per quanto riguarda la posizione, le bottiglie dovranno essere sempre mantenute in posizione orizzontale, senza essere sottoposte allo stesso tempo a troppi movimenti;

- Assenza di odori: poiché il vino ha la proprietà di assorbire gli odori dell'ambiente circostante, una buona cantina deve anche essere priva di odori.

Tipologie di cantinetta

Per i più esperti ed esigenti, esistono varie tipologie di cantinette con scompartimenti a temperatura differenziata. Se si fa parte dei grandi consumatori di vino, allora questo è il modello ideale, poiché permette di conservare facilmente, e alla temperatura adeguata, vino rosso, bianco e rosè.

Se si decide già in fase di arredamento dell’abitazione dove collocare la propria cantinetta, è possibile optare per un modello ad incasso che ben si fonde con la linea della cucina.  In linea di massima serviranno componenti d’arredo semplici, lineari, dall’aspetto particolarmente elegante, capaci di conferire un tocco di raffinatezza e charme all’ambiente. Molto spesso, infatti, i materiali utilizzati per la realizzazione di cantinette sono acciaio e vetro (tendenzialmente oscurato per prevenire che i raggi di luce diano fastidio al vino e alla sua conservazione).

Molti modelli hanno anche delle inserzioni in legno (o simil legno) che offrono un aspetto un po’ più rustico e si adattano benissimo ad ambienti non troppo moderni.