8 feb 2022

Zuckerberg fa guerra a Bruxelles "Facebook e Instagram via dalla Ue"

Scontro sulla privacy: Meta vuole trasferire i dati degli utenti in Usa. Il patron alza la voce poi fa dietrofront. Il ministro francese Le Maire: "I giganti digitali devono capire che difenderemo la nostra sovranità"

elena comelli
Cronaca
Mark Zuckerberg, 37 anni, ceo di Meta, la società di cui fanno parte i social Facebook e Instagram
Mark Zuckerberg, 37 anni, ceo di Meta, la società di cui fanno parte i social Facebook e Instagram
Mark Zuckerberg, 37 anni, ceo di Meta, la società di cui fanno parte i social Facebook e Instagram

di Elena Comelli Meta torna a fare la voce grossa, ma si pente subito e fa marcia indietro. La rinnovata minaccia è scritta nero su bianco nella sua relazione annuale alla Sec: se il colosso di Mark Zuckerberg non avrà la possibilità di trasferire, memorizzare ed elaborare i dati dei suoi utenti europei sul server con sede negli Stati Uniti, Facebook e Instagram potrebbero essere chiusi in tutta Europa. Una minaccia, neanche troppo velata, anche in relazione alle migliaia di dipendenti europei di Meta, cui dovrebbero presto aggiungersi 10mila nuovi assunti per lavorare al Metaverso. Il punto dolente è il trasferimento dati fra Ue e Usa, regolato attraverso il cosiddetto Privacy Shield, bloccato dalla Corte di giustizia europea a luglio 2020, a causa di violazioni della protezione dei dati. Da allora si lavora a una versione aggiornata degli accordi, ma Meta ha voluto precisare che se non sarà più autorizzata a utilizzare gli attuali accordi "o alternative", non sarà "probabilmente" più in grado di offrire in Ue molti dei suoi "prodotti e servizi più significativi", come Facebook e Instagram. A questo punto, molti si sono chiesti se veramente Meta fosse pronta a dire addio all’Europa. Con il mercato cinese già fuori gioco e quello russo senza prospettive, Zuckerberg avallerebbe in questo modo l’idea di confinare i suoi prodotti al solo mercato americano e all’incerto mercato indiano, che ha già bandito TikTok. Tanto che da Menlo Park è arrivata una smentita: "Non abbiamo assolutamente alcun desiderio o piano di ritirarci dall’Europa. Semplicemente Meta si basa sul trasferimento di dati tra l’Ue e gli Stati Uniti per poter offrire servizi globali". Se gli accordi transatlantici non venissero rinnovati, l’impatto si sentirebbe in molti settori. Nel peggiore dei casi, una piccola start up in Germania non sarebbe più in grado di utilizzare un ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?