La Sicilia resta in zona gialla (Ansa)
La Sicilia resta in zona gialla (Ansa)

Roma, 6 settembre 2021 - Si avvicina la data x per l'eventuale cambio di colore delle regioni da lunedì prossimo 13 settembre. Il giorno decisivo per gli indicatori decisionali (tasso di occupazione dei letti in terapia intensiva e nei reparti Covid ordinari) è domani martedì 7 settembre. Il monitoraggio settimanale dell'Istituto superiore di sanità - sulla base del quale decide la cabina di regia ogni venerdì - prende in considerazione quelli del martedì precedente. La scorsa settimana soltanto la Sicilia è rimasta in zona gialla, tutte le altre regioni hanno mantenuto la fascia bianca, comprese le due a rischio, Sardegna e Calabria. Come stanno adesso le cose? I dati di Agenas (l'Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali) aggiornati a ieri sera (domenica 4 settembre) alle 19.39 ci forniscono già un quadro abbastanza preciso: sono sempre Sardegna e Calabria in bilico anche se nell'ultimo giorno almeno uno dei due parametri ospedalieri è in miglioramento e potrebbe giustificare ancora un'altra settimana da zona bianca. Nessun problema per le altre regioni.

Zona gialla: ecco cosa cambia dal 13 settembre

Covid Italia: il bollettino del 7 settembre 

Covid, la speranza di vita cala di 1,2 anni

Sommario

Zona gialla, i criteri

Stando al Decreto Covid 23 luglio, per passare in zona gialla l'incidenza settimanale dei casi ogni 100mila abitanti deve essere pari o inferiore a 50, il tasso delle terapie intensive sopra il 10% e quello dei reparti ordinari superiore al 15%.

Qui Sardegna

I dati aggiornati a ieri sera danno un leggero miglioramento per quanto riguarda i reparti ordinari: sono al 14% in calo di un punto percentuale e sotto la soglia critica. Nettamente sopra in vece per quanto riguarda le terapie intensive (13%, +1%). Tutto si gioca quindi sui reparti ordinari ed è una corsa sul filo dei decimali. Ma con questi dati la Sardegna resterebbe bianca.

Qui Calabria

Discorso analogo anche per la Calabria, ma a parti rovesciate. Pesante il tasso dei reparti Covid ordinari (18%, quindi oltre soglia). Ma tengono le terapie intensive (8%, - 1%). Quindi per ora numeri da zona bianca.

L'incidenza

Sono dodici le regioni/province autonome che superano la soglia dei 50 casi settimanali: Liguria, Basilicata, Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Marche, Provincia di Bolzano, Sardegna, Sicilia (addirittura 176), Toscana (94), Umbria e Veneto.

I dati regione per regione

(il primo numero a sinistra sono le terapie intensive, il secondo i reparti ordinari)

Abruzzo 3% / 6%

Basilicata 3% / 12%

Calabria 8% / 18%

Campania 6% /10%

Emilia Romagna 6% / 5%

Friuli Venezia Giulia 9% / 3%

Lazio 7% / 7%

Liguria 4% / 4%

Lombardia 4% / 6%

Marche 10% / 6%

Molise 0 / 7%

Provincia di Bolzano 5% / 6%

Provincia di Trento 0 / 3%

Piemonte 4% / 3%

Puglia 4% / 8%

Sardegna 13% / 14%

Sicilia 14% / 23%

Toscana 10% / 8%

Umbria 8% / 7%

Val d'Aosta 0 / 0 (n.d.)

Veneto 4% / 3%