Roma, 24 maggio 2021 - Si è aperta la settimana che potrebbe portare le prime regioni in zona bianca dopo la svolta sui parametri per l'ingresso nelle fasce. L'unica ad aver assaporato l'area più bassa di rischio è stata per una breve parentesi la Sardegna, ma in pole position ora ci sono sette regioni che hanno la concreta possibilità di arrivare in zona bianca entro la metà del mese di giugno (sempre che i loro contagi si mantengano bassi). Secondo le previsioni, da martedì 1 giugno Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna passeranno in fascia bianca; da lunedì 7 giugno, invece, saranno in zona bianca Abruzzo, Umbria, Veneto e Liguria.

Zona bianca rafforzata: regole e quando può scattare

Covid: il bollettino del 24 maggio

Green pass Ue, Draghi: "Pronto a metà giugno"

Ricordiamo che per ambire a entrare in zona bianca bisogna stare sotto i 50 contagi per 100mila abitanti per 21 giorni di seguito.

Zona bianca: regole e cosa si può fare. Le regioni in pole position

Quindi va monitorato il numero dei contagiati e dietro le sette regioni quasi sicuramente bianche a breve, altre si stanno mettendo in coda: si tratta di Lombardia, provincia di Trento, LazioSicilia,  Marche, Emilia-Romagna, Piemonte e Calabria.

In ogni caso è questione di una manciata di giorni: chi non ce la fa a 'sbiancarsi' entro metà giugno dovrà attendere l’abolizione del coprifuoco prima del 21 giugno, la data ufficialmente fissata dal governo.

Le tre regole

Ma ricapitoliamo le regole da tenere quando si è finalmente raggiunta la zona bianca e l'agognata scomparsa del coprifuoco. Quando il rischio è basso valgono soltanto le regole di comportamento, ovvero le tre regole base anti coronavirus: l'obbligo della mascherina, il distanziamento sociale e la sanificazione delle mani.

Le ultime riaperture

Nuovo passo avanti nelle riaperture: in questo week end i centri commerciali sono stati aperti e che oggi sarà il turno delle palestre, mentre solo dal 15 giugno ci si potrà sposare e festeggiare il proprio matrimonio.

Abruzzo chiede di anticipare

E mentre il governatore toscano Eugenio Giani  è fiducioso di poter passare "in zona bianca una settimana prima del 21, il presidente dell'Abruzzo Marco Marsilio prende carta e penna e scrive al ministro Speranza per chiedere di anticipare a lunedì prossimo l'ingresso dell'Abruzzo in 'zona bianca'. La richiesta sulla base di una "significativa diminuzione della pressione sui presidi ospedalieri e sulle relative terapie intensive, tali da raggiungere uno scenario di rischio basso, come del resto confermato dai dati del monitoraggio della Cabina di regia relativi al periodo 14-20 maggio 2021, che denotano per l'Abruzzo una incidenza inferiore ai 50 casi ogni 100.000 abitanti".

Fedriga: presto linee guida

Intanto il presidente della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga annuncia linee guida per le regioni in zona bianca. "Ci stiamo confrontando con i governatori le cui Regioni dovrebbero passare per prime in zona bianca, cioè Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna, e quelli i cui territori passeranno la settimana successiva, per capire se mettere in campo misure condivise". 

image