Italia verso la zona bianca: persone a Roma
Italia verso la zona bianca: persone a Roma

Roma, 2 giugno 2021 - L'Italia si tingerà presto di bianco, tornando a respirare, quindi, una quasi normalità. Con la sola eccezione della Valle d'Aosta, infatti, a partire dal 21 giugno tutte le Regioni italiane potrebbero in zona bianca. Sempre, ovviamente, che il calo del contagio (che prosegue costante con un -27% dei casi nell'ultima settimana) non inverta la sua rotta (qui il bollettino di oggi).

Vacanze: green pass e tamponi. Ecco cosa serve per gli spostamenti

Seconda dose in vacanza? Le Regioni: "Sia un'eccezione"

Ma stando ai dati di oggi, da tutte le regioni italiane - eccetto appunto la Val d'Aosta - i segnali sono positivi e sono scese a un'incidenza sotto la soglia di rischio dei 50 casi settimanali per centomila abitanti. Per legge, servono tre monitoraggi consecutivi, con questo criterio, per consentire a una Regione di guadagnarsi lo scenario con minori restrizioni, senza coprifuoco. Ma vediamo step by steb il calendario, ovvero quando ogni regione potrebbe entrare nella tanto desiderata zona bianca. 

Visite a parenti e amici: differenze tra zona bianca e zona gialla

Covid, tavoli al ristorante: oggi si decide. Cosa dicono i virologi

Dal 7 giugno

Dopo il monitoraggio di venerdì scorso, sono già entratein zona bianca Sardegna, Friuli Venezia Giulia e Molise. Mentre il prossimo report della Cabina di regia, atteso venerdì 4 giugno, certificherà la zona bianca il lunedì successivo per Abruzzo, Liguria, Veneto e Umbria.

Limite di 4 persone al tavolo: vertice governo-Regioni

Dal 14 giugno

Se tutto prosegue in questa direzione, ovvero la curva continua la discesa e le vaccinazioni mantengono l'andamento attuale, dal 7 giugno mancherebbero ulteriori sette giorni poi a Lazio, Lombardia, Piemonte, Puglia, Emilia Romagna e Provincia di Trento.

Zona bianca, quanti in macchina: le nuove Faq del governo

Dal 21 giugno

E poi rush finale. O quasi. Il monitoraggio di dopodomani farà infatti scattare il conto alla rovescia per altre sette regioni, che entreranno nel loro primo report con incidenza sotto 50, grazie ai dati di domani (quelli valutati dalla Cabina di Regia): Sicilia (incidenza settimanale odierna di 50 casi per centomila), Marche (42), Toscana (42), Provincia di Bolzano (49), Calabria (48), Basilicata (44) e Campania (49). Dopo altri due monitoraggi sotto soglia, quindi, anche queste regioni andranno in bianco, se tutto va bene, lunedì 21 giugno, raggiungendo le altre.

Zona bianca: le linee guida delle Regioni

Il 21 giugno sarà anche il giorno in cui il coprifuoco (che il 7 passerà a mezzanotte) verrà comunque tolto da tutta Italia. Non saranno moltissime, quindi, a quel punto le differenze tra zona bianca e zona gialla.

Valle D'Aosta

Rimane fuori solo la Val d'Aosta, che ha ancora un'incidenza di 61 per centomila: con ogni probabilità finirà sotto i 50 nel monitoraggio dell'11 giugno, per essere dichiarata zona bianca lunedì 28 giugno, dopo altri due report.

Leggi anche: 

Guida ai vaccini: tipologie, efficacia, dosi, tempi, effetti collaterali