Roma, 17 maggio 2021 - Oggi (lunedì 17 maggio) è stato il giorno della cabina di regia che ha deciso le nuove regole per le ulteriori riaperture (in primis il coprifuoco) e per i nuovi criteri che saranno adottati per i colori delle regioni. Confermate le indiscrezioni dei giorni scorsi: a guidare non sarà più l'indice Rt sui sintomatici, ma il tasso di incidenza e quello delle ospedalizzazioni. E ora che finalmente la curva del contagi scende (qui il bollettino del 17 maggio), anche sulla base dell'ultimo monitoraggio dell'Iss di venerdì scorso (qui i dati aggiornati dell'Rt), alcune regioni cominciano a pensare di poter finalmente transitare in zona bianca, quella dove vengono meno quasi tutte le restrizioni. Nelle regioni in questa fascia, infatti, valgono solo le regole di comportamento (mascherina, distanziamenti) e non ci sarà il coprifuoco.

Zona bianca senza coprifuoco: come ci si entra e regole. Sei regioni pronte al salto

Nuovo decreto riaperture: tutte le date

Covid, il bollettino del 18 maggio

Se nei mesi scorsi in zona bianca riuscì ad entrare solo la Sardegna, ora la situazione è cambiata e vediamo, quindi, qui sotto come stanno le cose ad oggi. 

Il fisico Battiston: "In estate l'epidemia non ripartirà"

Sommario

Zona bianca: i requisiti

A tutt'oggi sono tre i requisiti che il Dpcm di gennaio stabilì quando venne istituita appunto la zona bianca: la regione deve trovarsi uno scenario di tipo 1, avere un rischio basso e soprattutto un'incidenza di casi settimanale ogni 100mila abitanti inferiore a 50 "per tre settimane consecutive". Ed è proprio quest'ultima previsione a farci dire che - dal momento che la regola vale anche coi nuovi criteri - nessuna regione può ambire alla zona bianca fino a fine mese. Vediamo perché.

Le Regioni

Nel monitoraggio pubblicato il 7 maggio nessuna regione aveva il requisito dell'incidenza. Il Molise, che aveva il dato più basso, era comunque a 56. Le cose sono migliorate la scorsa settimana. Il monitoraggio del 14 maggio invece ci presenta una situazione migliore. Prendendo in considerazione i dati fonte ministero della Salute (periodo 7-13 maggio) sono tre infatti le regioni con numeri da zona bianca: Molise (41), Sardegna (41) e Friuli Venezia Giulia (44) - se il monitoraggio del 28 maggio non riserverà sorprese - entreranno in questa fascia dal primo giugno, come confermato da fonti governative. Ma non solo. Se infatti il trend dei contagi dovesse proseguire, dal 7 giugno entrerebbero in zona bianca anche Abruzzo (56), Veneto (55) e Liguria (50).

I dati dell'incidenza: tabelle in Pdf