Roma, 30 maggio 2021 - La road map dell'Italia colorata verso la zona bianca è ormai delineata. Entro il 14 giugno - se i dati continueranno ad essere buoni - tredici tra regioni e province autonome entreranno nella fascia dove sparisce il coprifuoco e restano come unici obblighi la mascherine e il distanziamento sociale. In pratica (stima la Coldiretti) a metà giugno quasi 7 italiani su 10 (69%) per un totale di 40,9 milioni di persone si troveranno in zona bianca. E non basta perché le altre regioni potrebbero raggiungere l'obiettivo entro fino giugno. Vediamo quindi il calendario completo settimana per settimana e come si entra in zona bianca.

Coronavirus, i dati del bollettino del 5 giugno

Coprifuoco dal 7 giugno a mezzanotte, ma non per tutti

Visite a parenti e amici: differenze tra zona bianca e gialla

Le regole della zona bianca

Bollettino Coronavirus del 31 maggio con i contagi dalle regioni

Zona bianca: quanti in macchina. Le nuove Faq

Zona bianca: i criteri

Il Decreto riaperture di maggio (qui il testo in Pdfall'articolo 13 stabilisce che si definiscono zone bianche quelle "nei cui territori l’incidenza settimanale dei contagi è inferiore a 50 casi ogni 100.000 abitanti per tre settimane consecutive". E' l'unico criterio previsto. Quindi dobbiamo prendere in cosiderazione questo parametro che deve restare sotto i 50 per tre monitoraggi settimanali consecutivi.

Veneto, Liguria, Umbria e Abruzzo in zona bianca

Speranza: "Green pass Paesi extra Ue". Varianti e terza dose

Monitoraggio Iss in Pdf

Matrimoni: tutte le regole

31 maggio

Da domani (lunedì 31 maggio) entrano in zona bianca Sardegna (unica regione che già lo era stata), Friuli Venezia Giulia e Molise: lo ha deciso il ministro della Salute, Roberto Speranza, dopo il monitoraggio dell'Iss di venerdì scorso (qui la nuova mappa dei colori).

7 giugno

Altre 4 regioni sono in procinto di entrare in zona bianca: sono Veneto, Liguria, Abruzzo e Umbria. Tutte e 4 da due settimane hanno un'incidenza sotto i 50 casi settimanali. Se lo conferemranno anche nel monitoraggio di venerdì prossimo 4 giugno saranno bianche dal lunedì successivo 7 giugno.

Zona bianca: le linee guida delle Regioni

14 giugno

Ulteriore step la settimana dopo. In rampa di lancio sono Lazio, Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, provincia di Trento e Puglia. Queste sei regioni devono ancora confermare il dato sotto i 50 per due settimane: quindi la data chiave per loro è il monitoraggio dell'11 giugno per il passaggio in bianco dal 14.

21 giugno

Le certezze finiscono qui. Tutte le altre regioni/province autonome nell'ultimo monitoraggio di venerdì 28 maggio avevano un'incidenza sopra i 50: Calabria (61), Campania (66), Marche (55), Provincia autonoma di Bolzano (59), Sicilia (53), Toscana (59), Val d'Aosta (79), Basilicata (62). Quindi nella miglior delle ipotesi potrebbero passare in fascia bianca non prima del 21 giugno se riusciranno ad andare sotto i 50 per i prossimi tre monitoraggi consecutivi. C'è da dire che considerando la media mobile ad oggi, tutte stanno migliorando il dato con le Marche che sono già scese sotto i 50 (47). Sicilia e Toscana sono vicinissime (entrambe a 52).

La mappa delle regioni

 

Leggi anche

Efetti collaterali vaccino: da AstraZeneca a Pfizer. Cosa può succedere