Quante persone si possono portare in macchina
Quante persone si possono portare in macchina

Roma, 12 aprile 2021 - Da oggi (lunedì 12 aprile) quasi tutta l'Italia è in zona arancione (in zona rossa solo Sardegna, Puglia, Campania e Val d'Aosta). Quindi le limitazioni si fanno meno stringenti rispetto al lockdown. Uno degli aspetti interessanti da affrontare riguarda quante persone possiamo portare in macchina in zona arancione visto che la mobilità resta consentita all'interno del comune e in certi casi è possibile muoversi anche fuori (per esempio possiamo andare nelle seconde case fuori regione). E comunque ogni spostamento giustificato da motivi di lavoro, salute o necessità è sempre consentito.

Spostamenti tra regioni: la grande incognita

Riaperture: ecco le date

Zona arancione: spostamenti e ristoranti, le regole

Detto che per quanto riguarda l'auto non c'è differenza tra zona arancione e zona rossa (e nemmeno per la zona gialla: le regole sono le stesse), la prima regola fondamentale è questa: le limitazioni interessano solo i non coviventi che trasportiamo. Le Faq aggiornate del governo ci dicono in maniera molto chiara che possiamo portare a bordo passeggeri non conviventi  "con la presenza del solo guidatore nella parte anteriore della vettura e di due passeggeri al massimo per ciascuna ulteriore fila di sedili posteriori, con obbligo per tutti i passeggeri di indossare la mascherina". Quindi il posto anteriore di fianco al conducente deve restare vuoto. E, prendendo come esempio una normale berlina, al massimo - guidatore compreso - potranno salire tre persone.

Zona gialla in aprile: quando e le regioni pronte

Potremo non utilizzare la mascherina solo in un caso: "L’obbligo di indossare la mascherina può essere derogato nella sola ipotesi in cui la vettura risulti dotata di un separatore fisico (plexiglas) fra la fila anteriore e posteriore della macchina, essendo in tale caso ammessa la presenza del solo guidatore nella fila anteriore e di un solo passeggero per la fila posteriore".

Da tutto ciò si ricava che invece non ci sono limiti per le persone che fanno parte dello stesso nucleo familiare. Ovvio che l'uso della mascherina resta sempre decisivo.