AAA cercasi personal assistant, sostanzialmente un segretario, per giovane coppia inglese impegnata, con tre figli e spesso in giro per il mondo. Lavoro impegnativo, un contratto full-time da 37 ore e mezza alla settimana: curare l’agenda, organizzare gli incontri e gli appuntamenti. L’annuncio scade alle 23.55 dell’11 aprile, domenica prossima. La bacheca – online – su cui è stato pubblicato è in realtà un po’ particolare: quella della Household of TRH The Duke and Duchess of...

AAA cercasi personal assistant, sostanzialmente un segretario, per giovane coppia inglese impegnata, con tre figli e spesso in giro per il mondo. Lavoro impegnativo, un contratto full-time da 37 ore e mezza alla settimana: curare l’agenda, organizzare gli incontri e gli appuntamenti. L’annuncio scade alle 23.55 dell’11 aprile, domenica prossima. La bacheca – online – su cui è stato pubblicato è in realtà un po’ particolare: quella della Household of TRH The Duke and Duchess of Cambridge, insomma William e Kate... Esatto, i duchi di Cambridge cercano un segretario personale che lavori a strettissimo contatto con loro, "esperto nel fornire supporto amministrativo a un team impegnato: bisognerà gestire le agende, organizzare gli incontri e dare assistenza durante le visite, gli eventi e i viaggi". L’assitente deve essere dunque "impeccabile" ed "eccellente". E c’è un requisito speciale, imprescindibile: "L’abilità di mantenere la discrezione e l’esercizio alla discrezione in qualunque momento sono essenziali".

La privacy in casa Windsor è già stata fin troppo messa alla prova: l’intervista esplosiva di Meghan e Harry a Oprah Winfrey è un ricordo ancora recentissima e che brucia tanto, dalle parti della Royal Family. D’altra parte "i doveri del candidato includono anche: gestione delle telefonate, delle lettere e delle mail", quindi è chiaro che tenere la bocca chiusa con tutti, non solo giornalisti (fanno paura anche voci dal sen fuggite con i parenti e gli amici...), è una skill, una competenza fondamentale. Importante tanto quanto l’aver dimestichezza con la tecnologia.

Particolare non secondario: non è necessario essere sudditi di Sua Maestà per fare richiesta per questo lavoro così prestigioso. Possono infatti partecipare alla selezione anche cittadini non britannici, purché ovviamente abbiano tutte le carte in regola per lavorare nel Regno Unito (non così facile dopo la Brexit, a dirla tutta).

Lavorare da assistente o segretario di un membro della Royal Family, però, è tutt’altro che una passeggiata. Delle intemperanze di Meghan Markle si sa: il suo staff ha avuto un ricambio periodico molto frequente... Ma anche dalle parti dei duchi di Cambridge il turnover non è così raro. Alla fine di gennaio a dare le dimissioni era stato Christian Jones, responsabile della comunicazione della coppia più glamour della Corona: ha preferito trasferirsi in una società di private equity.

red. est.