Volvo
Volvo

Roma, 22 luglio 2019  - La Volvo richiama oltre 500 mila vetture per un problema a una componente del motore: nel turbodiesel 2.0 può 'sciogliersi' un collettore in plastica. Visto il rischio d'incendio la Volvo Cars, l'azienda automobilistica svedese controllata dal 2010 dalla cinese Zhejiang Geely Holding Group, ha comunicato di avere avviato un richiamo per 507mila auto in tutti i mercati mondiali. 

Il problema risiede nel collettore di aspirazione, che essendo realizzato in materiale plastico potrebbe, in casi estremi di eccesso di calore, fondere e quindi provocare un incendio. Il portavoce del'azienda automobilistica Stefan Elfstrom però assicura che ci sono stati pochi incidenti, e ancor meno gli infortuni e i casi in cui l'auto ha preso realmente fuoco. 

Verranno richiamti i modelli S60, S80, S90, V40, V60, V70, V90, XC60 e XC90 equipaggiati con il quattro cilindri turbodiesel 2.0 e costruiti fra il 2014 e il 2019. Se siete un cliente Volvo l'azienda invierà, o lo ha già fatto, una lettera informativa per effettuare l'aggiornamento della vostra vettura senza costi.