Roma, 23 febbraio 2021 - Il divieto di spostamento tra regioni fino al 27 marzo confermato dal governo Draghi nel nuovo decreto riafferma la volontà di arginare la circolazione del virus attraverso la limitazione dei movimenti delle persone. Rimangono quindi presenti le disposizioni sulle visite a parenti o amici, in zona rossa, in zona arancione e in zona gialla. Per tutti gli spostamenti, i nuclei familiari possono viaggiare nella stessa auto insieme senza limitazioni; per quanto riguarda invece i non conviventi, la limitazione all'interno della stessa vettura è di tre persone (con mascherina indossata), senza occupare il sedile accanto a quello del guidatore. Rivediamo nel dettaglio tutte le disposizione, zona per zona.

Nuovo Dpcm Draghi: Speranza spiega le misure. La diretta

Covid, nuovo decreto Draghi: pdf e il testo

Nuovo Dpcm, sui ristoranti aperti la sera è asse tra Bonaccini e Salvini

Bollettino Covid in Italia del 23 febbraio: dati sul Coronavirus

Varianti Covid, "tra due settimane 20mila casi al giorno"

Zona rossa

In zona rossa c'è una novità per quanto riguarda le visite. Non è infatti consentito andare a trovare amici o parenti in un'altra abitazione.

Zona arancione

In zona arancione invece la visita, una al giorno, al di fuori della propria abitazione è consentita una volta al giorno "in massimo due persone oltre ai figli minori di 14 anni". Lo spostamento deve essere effettuato rispettando le disposizioni sul coprifuoco (quindi dalle 5 alle 22) e rimanendo all'interno dello stesso comune di residenza. Per i residenti in comuni con meno di 5.000 abitanti, le viste sono consentiti anche valicando i confini del territorio, ma "entro i 30 chilometri dai confini".

Autocertificazione zona arancione: Pdf, quando serve e come compilarla

Zona gialla

In zona gialla è consentito uno spostamento al giorno per visitare amici o parenti (nella fascia oraria 5-22), anche al di fuori del proprio comune di residenza, rimanendo nella propria regione. 

Vaccino Covid AstraZeneca fino a 65 anni. La circolare del ministero