Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
14 feb 2022

Virus in ritirata e 91% di vaccinati Ma Speranza non si fida: "Cautela"

La curva della pandemia continua a piegarsi. In calo ricoveri e decessi: scesi sotto quota 200 dopo un mese

14 feb 2022
giovanni rossi
Cronaca
Roberto Speranza, 43 anni, ministro della Salute nei governi Conte ’2’ e Draghi
Roberto Speranza, 43 anni, ministro della Salute nei governi Conte ’2’ e Draghi
Roberto Speranza, 43 anni, ministro della Salute nei governi Conte ’2’ e Draghi
Roberto Speranza, 43 anni, ministro della Salute nei governi Conte ’2’ e Draghi
Roberto Speranza, 43 anni, ministro della Salute nei governi Conte ’2’ e Draghi
Roberto Speranza, 43 anni, ministro della Salute nei governi Conte ’2’ e Draghi

di Giovanni Rossi Se avesse chiesto – da inizio pandemia – 10 centesimi di indennità ministeriale per tutte le volte che ha pronunciato la parola "cautela", oggi il ministro della Salute Roberto Speranza sarebbe milionario. Nel calibrato servizio al Paese e a due premier, l’esponente di Leu resta fedele al copione più severo. Scelta di certo giustificata nei giorni terribili di questi 26 mesi pandemici, politicamente meno azzeccata oggi che s’intravede la fine del tunnel. Lui resta vigile. Forse scottato dall’improvvida pubblicazione del volume Perché guariremo, dato alle stampe nell’autunno 2020 e poi precipitosamente ritirato – oggi trattato su eBay come cimelio raro a prezzo variabile da 99 a 249 euro –, il ministro sponsorizza quotidianamente le virtù dell’avvedutezza e della prudenza. Lo ha fatto anche ieri a 12 ora in più: "Sulla pandemia abbiamo bisogno di cautela. Stiamo piegando la curva ma dobbiamo tenere i piedi a terra". È come se lo scenario alle porte, quella nuova normalità da tutti invocata – e pretesa dal premier Mario Draghi con la fine dell’obbligo di mascherina all’aperto – segnasse un cambio di paradigma che Speranza vorrebbe graduare, se non allontanare. Il 31 marzo – fine dello stato di emergenza – è praticamente domani, ma il ministro non se ne capacita. Non si dichiara felice di questo traguardo di liberazione per tutti gli italiani, specie per quelli che hanno rispettato scienza e regole. Non festeggia come i suoi omologhi stranieri ogni volta che una restrizione è cancellata. Al contrario. La fine dell’obbligo di mascherina all’aperto è "un segnale di fiducia", concede. Salvo confezionare immediato ripasso: "La mascherina va sempre tenuta con sé e indossata anche all’aperto se ci sono assembramenti. E sempre al chiuso". Almeno fino al 31 marzo. Data chiave per l’intero dispositivo anti pandemico. "Se rimarrà il Cts? Non ci sono ancora ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?