Roberto Burioni, professore di microbiologia e virologia al San Raffaele di Milano (Ansa)
Roberto Burioni, professore di microbiologia e virologia al San Raffaele di Milano (Ansa)

Roma, 23 gennaio 2020 - Il Partito comunista cinese ha intimato gli enti locali a non nascondere i casi del Coronavirus, come avvenuto per la Sars. Gli studiosi inglesi già al secondo giorno spiegavano come i contagi fossero migliaia.

Le autorità cinesi, sottovalutando l’epidemia, hanno rallentato così le contromisure?
"Certo – risponde il virologo Roberto Burioni –. È accaduto un fatto gorttesco: uno dei massimi esperti di Pechino aveva detto di non preoccuparsi e ha contratto il virus. La Cina non è una democrazia libera: già nel 2003 c’è stata una mancata condivisione dei dati sulla Sars. La Cina parla di 4-500 casi, ma l’Imperial College di Londra ne stima 4mila".

Un numero credibile?
"Assolutamente sì".

Cosa la preoccupa di più?
"Non sapere quanto è grave la malattia. I dati sembrano tranquillizanti, ma non possiamo fidarci troppo. E il virus può mutare, diventando capace di un’infezione più pericolosa".

Il nuovo coronavirus quando arriverà in Italia?
"Speriamo mai. Ma bisogna essere pronti: l’Italia ha le strutture per combattere l’infezione".

L’Istituto nazionale Usa per la salute spiega che per il vaccino servirà almeno un anno.
"Non pensiamoci, non lo avremo in tempo utile. Dovremo imparare la lezione che tanti coronavirus hanno fatto il salto di specie da animale a uomo. E investire per nuovi vaccini, così da essere pronti al prossimo nuovo virus. Il vaccino ora scordiamocelo, arriverà tardi: combatteremo il nemico senza".

Il siero per l’influenza stagionale va fatto?
"Non fornisce protezioni per questo nuovo coronavirus".

Il capodanno cinese, sabato prossimo e per i successivi 15 giorni, sarà l’inizio della fine?
"Questo virus è venuto fuori nel peggior momento possibile, quando in Cina tutti viaggiano per le feste".

La trasmissione avviene solo attraverso saliva?
"Questo è un virus nuovo, ciò che diciamo lo immaginiamo guardando i virus simili. Il contagio avviene da secrezioni respiratorie, come per l’influzenza. Ma non sappiamo per quanto tempo un paziente è infettivo o se è infettivo prima di sviluppare la malattia".

A Wuhan hanno bloccato aerei e treni.
"Una decisione senza precedenti, a memoria. Potrebbe significare che la situazione là è fuori controllo, spero di sbagliarmi. Una scelta presa tardi".