Partigiano Reggiano, il murale sulla A1
Partigiano Reggiano, il murale sulla A1
Reggio Emilia, 22 maggio 2021 - Muro contro mur...ale. Autostrade contro Comune di Reggio Emilia. E contro l’opera che si affaccia sulla A1, dedicata alla Resistenza, richiamando anche al brano ‘Partigiano Reggiano’ di Zucchero Fornaciari. "Va rimosso. È pericoloso perché distrae potenzialmente i viaggiatori", ha tuonato la Direzione Tronco di Bologna. "Giù le mani, non lo cancelliamo. Non siamo disposti ad annullare la Storia e la memoria", ha risposto ieri con fermezza Luca Vecchi, sindaco della città del Tricolore insignita della medaglia d’oro della Resistenza. E lo stesso cantautore, cresciuto a pochi chilometri da Villa Sesso, dove campeggia il murale...

Reggio Emilia, 22 maggio 2021 - Muro contro mur...ale. Autostrade contro Comune di Reggio Emilia. E contro l’opera che si affaccia sulla A1, dedicata alla Resistenza, richiamando anche al brano ‘Partigiano Reggiano’ di Zucchero Fornaciari. "Va rimosso. È pericoloso perché distrae potenzialmente i viaggiatori", ha tuonato la Direzione Tronco di Bologna. "Giù le mani, non lo cancelliamo. Non siamo disposti ad annullare la Storia e la memoria", ha risposto ieri con fermezza Luca Vecchi, sindaco della città del Tricolore insignita della medaglia d’oro della Resistenza. E lo stesso cantautore, cresciuto a pochi chilometri da Villa Sesso, dove campeggia il murale della discordia si schiera con un eloquente assolo: "Rimanga al suo posto".

"Murales Partigiano reggiano pericoloso": Autostrade diffida Istoreco - Murales Partigiano Reggiano, Bonaccini: "Non deve essere cancellato"

image

Una querelle che tocca le corde del patriottismo, accesissimo in terra reggiana. Ed ecco perché poi in un batter d’occhio, Autostrade innesca la retromarcia sancendo col municipio l’armistizio per trovare "una soluzione condivisa". Ma cominciata da Autostrade in aprile quando invia una diffida a Istoreco (l’istituto della Resistenza di Reggio), Comune e Anpi, promotori del murale inaugurato a fine settembre 2020 sulla colonica ‘Casa Manfredi’, su cui a caratteri cubitali svetta la scritta ‘Partigiano Reggiano’ e una frase che rimanda appunto alla canzone di ‘Sugar’, a corredo degli otto volti che raffigurano le persone trucidate dalla rappresaglia nazifascista nel ‘44. In particolare le famiglie Manfredi e Miselli. Un omaggio volutamente visibile dalla carreggiata Sud del tratto Campegine-Terre di Canossa, sull’Autosole.

"Via il murale dei partigiani in A1". Autostrade: distrae i viaggiatori

Ma per Autostrade il murale trasgredisce l’articolo 23 del codice della strada che vieta di confondere, ma soprattutto di distrarre l’attenzione degli automobilisti. E così, poche settimane fa, invia l’ultimatum al municipio. Un invito a provvedere, pena una sanzione. La notizia data dal nostro giornale scatena così reazioni politiche, cittadine e del mondo della musica. Da Sabina, pronipote dei Manfredi ("nessuno lo tocchi!") a Franco D’Aniello, co-fondatore dei Modena City Ramblers, il gruppo folk ("hanno una bella faccia quelli di Autostrade") passando per Istoreco ("e allora i cartelli promozionali?") fino alla risposta chiara del sindaco Vecchi: "Casa Manfredi è un monumento vivente da decenni che non contiene alcuna comunicazione commerciale, non è un’insegna o un manifesto pubblicitario. Come per altri monumenti, sulla Cisa o all’uscita di Brescia Ovest sull’A4 si deve procedere con l’autorizzazione".

Il primo cittadino poi ha teso la mano ad Autostrade: "Siamo in contatto e certi che troveremo assieme una soluzione a breve. Siamo disponibili a valutare la piantumazione di alberelli per ‘spezzare’ lo skyline e renderlo meno visibile dall’A1". Mano colta da Autostrade ("massima disponibilità. Nessun retro-pensiero sul contenuto della scritta, abbiamo solo agito per la tutela della sicurezza stradale") come garantisce pure il presidente della Regione, Stefano Bonaccini il quale ha detto di aver "sentito l’ad di Autostrade Roberto Tomasi che si è impegnato al mantenimento del murale e che presto incontrerà le istituzioni reggiane".