Tonello Scanu, il vigile del fuoco morto nel corso di intervento a Nulvi (Ansa)
Tonello Scanu, il vigile del fuoco morto nel corso di intervento a Nulvi (Ansa)

Sassari, 28 dicembre 2020 - Un vigile del fuoco è morto folgorato stamane nel Sassarese, a NulviTonello Scanu, 54 anni, è stato colpito da una scarica elettrica durante un intervento per la messa in sicurezza di un palo, che si era staccato a causa del forte vento che in queste ore soffia in tutta la zona, accompagnato da una pioggia battente. Il vicecaposquadra, in servizio nel comando provinciale dei vigili del fuoco di Sassari, aveva 54 anni, era originaria di Ossi, comune vicino a Sassari, e lascia moglie e figli. 

''L'incidente è avvenuto nelle campagne di Nulvi, durante l'intervento per la messa in sicurezza di un palo pericolante della linea elettrica'', ha spiegato Fernando Cordella, presidente Anppe Vigili del Fuoco. ''In molte occasioni - ha aggiunto -, viste le continue condizioni avverse climatiche, che impegnano giornalmente i vigili del fuoco, siamo sono costretti a lavorare in condizioni estreme per la salvaguardia dei cittadini, ecco perché chiediamo un risposta immediata sul tema della prevenzione del territorio e delle infrastrutture, in modo che i rischi operativi residui siano sempre minori e permettano ai soccorritori di lavorare in piena sicurezza''.

Il Dipartimento della Protezione Civile ha espresso, in una nota, profondo cordoglio per la scomparsa del vigile del fuoco. "Nel porgere le più sentite condoglianze ai familiari per la grave perdita", si legge nel comunicato, "il Capo del Dipartimento, Angelo Borrelli, rinnova la stima e la gratitudine per tutti coloro che quotidianamente contribuiscono alla tutela del territorio e soprattutto alla salvaguardia di vite umane anche a rischio della propria". Anche il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, ha esprimesso il cordoglio alla famiglia del vigile: "Sono vicina a tutte le donne e gli uomini del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco - ha dichiarato il ministro - per la gravissima perdita di un collega in servizio, ringraziandoli ancora una volta per la loro preziosa attività a servizio dei cittadini nelle diverse emergenze sui territori, che svolgono con professionalità e sacrificio, anche mettendo a rischio la loro incolumità personale".

Intanto, la procura di Sassari ha aperto un'inchiesta, affidata ai carabinieri, per accertare la dinamica dell'incidente sul lavoro ed è stata avviata anche un'inchiesta interna dei vigili del fuoco che produrrà una relazione sugli aspetti tecnici dell'intervento, che hanno portato all'infortunio mortale. Secondo le prime ricostruzioni, Scanu era impegnato su un cavo delle rete elettrica che, a causa del vento e del maltempo che imperversa in queste ore su tutto il Sassarese, si era staccato dal palo e occupava il bordo strada. Pare che il vicecapo squadra stesse operando un taglio del cavo e ora si dovrà accertare se sia sia trattato di imperizia, delle condizioni atmosferiche che hanno reso più difficoltosa l'operazione o se vi siano state altre cause. Intanto, la salma è stata trasferita a Sassari, all'istituto di patologia forense per l'autopsia.