Mascherine colorate in vendita (ImagoE)
Mascherine colorate in vendita (ImagoE)

Venezia, 29 maggio 2020 - In Veneto l'uso della mascherina non sarà più obbligatorio per strada dal primo giugno prossimo. Continuerà ad essere indispensabile "nei luoghi chiusi accessibili al pubblico (bar, negozi etc), e all'esterno solo nelle occasioni in cui non sia posibile garantire continuamente la distanza di sicurezza tra i non conviventi". E' quanto prevede la Lo prevede la nuova ordinanza regionale annunciata da Luca Zaia, che avrà valore dall'1 al 15 giugno. Il provvedimento dovrebbe essere firmato nel pomeriggio.

Nuova ordinanza in Lombardia: riaprono palestre, piscine e circoli

Spiagge e ombrelloni

Presentando la nuova ordinanza, Zaia ha parlato anche delle spiagge, specificando che "la superficie minima per gli ombrelloni è 12 metri quadrati". L"Abbiamo fatto le linee guida nazionali - ha spiegato - che prevedono 10 metri quadrati perché abbiamo situazioni come la Liguria che non ha spiagge profonde. Abbiamo fatto un accordo tra gentiluomini nell'alto Adriatico per mettere i 12 metri quadrati. Noi non abbiamo mai avuto gli ombrelloni a dieci metri".

Terme e centri estivi

La nuova ordinanza prevede anche la riapertura dal primo giugno delle strutture termali e dei centri benessere e di tutti i servizi per bambini e adolescenti (ad eccezione della fascia d'età 0-3). "Anche qui abbiamo risolto un vulnus del Dpcm - ha spiegato il governatore - dicendo che chi ha la gestione del centro estivo per bambini semplicemente notifica l'apertura della sua attività impegnandosi ad applicare le linee guida". Inoltre nella nuova ordinanza, ha poi precisato, è previsto che "nell'area privata uno può organizzarsi la grigliata, ovviamente se non si è tra conviventi deve esserci un minimo di salvaguardia e di distanza". 

Il bollettino di oggi del Veneto

"I casi di positività al coronavirus in Veneto sono oggetto 19.134, 9 in più rispetto a ieri", ha sottolineato Zaia. "Diminuiscono le persone in isolamento, i ricoverati e le terapie intensive. In particolare, le persone in isolamento domiciliare sono 1.834, 308 in meno rispetto a ieri. I pazienti ricoverati sono 411, 15 in meno rispetto a ieri, e si registra una diminuzione di 3 unità anche per quanto riguarda le terapie intensive che ad oggi sono 31. Le persone dimesse dall'inizio dell'emergenza sono 3.349, 13 in più rispetto a ieri - ha spiegato il governatore -. Si registrano 8 nuovi decessi, che portano il numero totale a 1.906".