Roma, 12 febbraio 2021 - La variante inglese è presente in circa un caso su cinque nei contagi da Covid in Italia. Lo rivela un'indagine inviata dalle Regioni al ministero e all'Istituto Superiore di Sanità, realizzata sui risultati dei test tra effettuati tra il 3 e il 4 febbraio, come riportato in una circolare emessa la scorsa settimana. 

L'indagine rapida è stata effettuata su oltre 3.500 campioni, e il risultato è stato che circa il 20% (Il 17,8% comunica il ministero della Salute) dei casi positivi analizzati è riconducibile al ceppo britannico del Coronavirus. 

Il campionamento è stato fatto sui campioni positivi alle prime diagnosi dei tamponi molecolari effettuati nei giorni 3 e 4 febbraio. I campioni sono stati scelti garantendo una rappresentatività geografica. 

Il dato è preoccupante, se si pensa che supera non di poco l'ipotesi di partenza di una circolazione del 5% della variante inglese.

Indice rt regioni aggiornato: sette sopra 1. I dati di oggi, Italia a 0.95

Variante inglese diventerà prevalente

Ministero della Salute e Iss, comunicando i risultati sui preliminari della 'flash survey', avvertono che la variante inglese del virus SarsCov2 è destinata a diventare la forma di infezione prevalente nei prossimi mesi. Nel resto d'Europa la variante britannica è presente in Francia al 20-25% e in Germania al 30%.

Il ministero della Salute conferma che il virus SarsCov2 "muta continuamente e sono già state isolate centinaia di varianti", ma assicura che "la maggior parte" di queste "non cambia le caratteristiche del virus". Comunque la vigilanza deve restare "alta per individuare, come viene già fatto, quelle che potrebbero peggiorare la situazione in termini di trasmissibilità, sintomatologia o sensibilità nei confronti di vaccini e anticorpi, tenendo presente che questi possono essere comunque modificati per adeguarli alle versioni più pericolose".

Veneto, Zaia: "Il 20% tamponi con variante"

Una conferma ai dati dello studio arriva dal Veneto dove il governatore Luca Zaia ha reso noto, illustrando la situazione della pandemia nella regione, che "quasi il 20% dei 182 tamponi fatti presenta la variante inglese".

Rezza: "In alcune zone la variante presente oltre il 50%"

Il direttore generale della Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza, ha spiegato, durante l'analisi dei dati di monitoraggio settimanali, che sulla presenza della variante inglese l'Iss "ha riscontrato una prevalenza nazionale del 17,8% ma con un range molto alto tra regioni, con aree che arrivano anche a oltre il 50%, altre da 0 a 5%". "Differenze dovute al caso, cioè alla data di introduzione della variante. Perchè corre più dei ceppi circolanti 'normali', e tende a diventare predominante. Questo fa sì che si sostituisca agli altri ceppi circolanti". Secondo Rezza "questa epidemia di variante inglese non è ancora matura, il virus ha cominciato a circolare da poco, per questo è stato importante riuscire a identificare il fenomeno precocemente". 

Nello studio sulle varianti in Italia "sono emerse 495 varianti UK, ma con una prevalenza molto differenta tra regione e regione", ha spiegato Rezza.  Si tratta, ha aggiunto "di differenze dovute al caso, cioè alla data di introduzione della variante che, abbiamo visto, corre di più rispetto ai ceppi circolanti 'normali'".

image

Brusaferro: "Variante può sostituire l'attuale in 5-6 settimane"

"In 5-6 settimane la variante inglese potrebbe sostituire il virus SarsCov2 ora circolante", ha aggiunto il presidente Iss Silvio Brusaferro alla conferenza stampa al ministero della Salute, sottolineando che comunque tale variante risponde al vaccino.