Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
1 giu 2022
1 giu 2022

Vaiolo delle scimmie, 20 casi in Italia. La mappa del contagio in Europa e nel mondo

Al 31 maggio risultano 557 i casi a livello globale, 321 nell'Ue (con una salita di oltre 200 casi in una settimana)

1 giu 2022
featured image
Vaiolo delle scimmie, il contagio nel mondo (mappa Ecdc)
featured image
Vaiolo delle scimmie, il contagio nel mondo (mappa Ecdc)

Roma, 1 giugno 2022 - "La diffusione del vaiolo delle scimmie non è nemmeno paragonabile a quella del coronavirus. In Italia abbiamo 20 casi. Di questi, 19 hanno avuto storie di viaggi laddove c'è stata una catena di contagio. E forse, questo non è ancora confermato, un solo caso di contagio secondario. Però attenzione: con un'incubazione di un paio di un paio di settimane circa, avremo altri casi". Queste le parole del sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri, ospite alla trasmissione radiofonica 'Un giorno da pecora' su Rai Radio1. In generale per il vaiolo delle scimmie "non dobbiamo essere preoccupati", ha rassicurato Sileri, seppure sono comprensibili i timori "di una popolazione che ha vissuto e vive il Covid. Ma si tratta di cose completamente diverse per il meccanismo di trasmissione, il tipo di virus, per cosa succede dopo l'infezione, ma soprattutto per la terapia", ha puntualizzato il sottosegretario.

Vaiolo delle scimmie e vaccino: ecco le raccomandazioni di Matteo Bassetti

Vaiolo, l'ultimo aggiornamento dell'Ecdc

I dati dell'ultimo aggiornamento dell'Ecdc, Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, riferiscono che al 31 maggio risultano 557 i casi di vaiolo delle scimmie confermati nel mondo, di cui 321 nell'Ue/Spazio economico europeo e fra questi vengono conteggiate 14 infezioni segnalate dall'Italia (date che naturalmente non tiene conto degli ultimi aggiornamenti). In meno di una settimana il conteggio è salito di 202 casi in Ue/See (e di 9 in Italia).

Fuori dall'Unione europea, è il Regno Unito il Paese in cui il bilancio di monkeypox è salito di più: in 6 giorni si sono aggiunti un centinaio di casi, raggiungendo quota 179. In Ue i Paesi con più casi di Monkeypox confermati sono la Spagna che ne ha censiti 120 (+69 dal 25 maggio) e il Portogallo che ne conta 96 (+59). In totale gli Stati membri che hanno casi confermati sono 17. Fuori dall'Ue/See sono in totale 236 le infezioni confermate in Paesi non endemici: oltre ai 179 casi britannici, ne risultano 26 in Canada, 15 negli Usa, e i rimanenti sono distribuiti fra Argentina (2), Australia (2), Israele (2), Messico (1), Svizzera (4), Thailandia (1), Emirati Arabi Uniti (4). La maggior parte dei casi al di fuori di Regno Unito, Canada e Stati Uniti risulta collegata a viaggi. Tuttavia, vengono segnalati anche casi senza storia di viaggio nota, contatti con altri casi, animali o collegamenti con eventi specifici.

Vaiolo delle scimmie, il contagio in Europa (mappa Ecdc)
Vaiolo delle scimmie, il contagio in Europa (mappa Ecdc)

Il vaiolo delle scimmie - spiega l'Ecdc nel suo aggiornamento - è attualmente l'infezione da orthopoxvirus più diffusa nell'uomo dopo l'eradicazione del vaiolo e la cessazione della vaccinazione universale contro il vaiolo. Nelle aree endemiche, il virus circola probabilmente tra un certo numero di mammiferi, sebbene non vi sia alcun serbatoio noto. Occasionali eventi di spillover negli esseri umani generano focolai. La maggior parte dei casi del focolaio che sta interessando i Paesi non endemici in questi giorni riguarda giovani uomini, che si autoidentificano come Msm (maschi che fanno sesso con maschi).

L'Ecdc precisa che non sono stati registrati morti legati a questa infezione. La presentazione clinica è generalmente descritta come lieve e la maggior parte dei casi presenta lesioni sui genitali o nell'area perigenitale, indicando che la trasmissione è probabilmente avvenuta per stretto contatto fisico durante le attività sessuali. Diversi Paesi hanno segnalato casi che sembrano essere collegati ad eventi che si sono svolti in Spagna (Madrid e Isole Canarie) e Belgio (Anversa). Tuttavia, molti Paesi segnalano anche casi senza alcun legame epidemiologico noto con viaggi all'estero, contatti con altri casi, animali o partecipazione a eventi specifici. "L'Ecdc - si legge nella nota - sta monitorando attraverso attività di intelligence epidemiologica. Si sono svolti incontri multilaterali tra i Paesi colpiti, l'Oms Europa e l'Ecdc per condividere informazioni e coordinare la risposta. Ed è stato creato un processo in 'EpiPulse' (portale europeo di sorveglianza per le malattie infettive) per consentire ai paesi di condividere informazioni". L'ultima valutazione rapida del rischio risale al 23 maggio.

Oms: "Elevato rischio trasmissione in estate"

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?