Roma, 15 maggio 2021 - Si avvicina l'estate, la curva del contagio Covid sembra abbassarsi ed è già boom di prenotazioni nelle località turistiche italiane. Nel momento in cui ci accingiamo a partre resta un problema a cui dare soluzione: potremo fare la seconda dose del vaccino ai turisti nel luogo di vacanza se il range previsto (qui i tempi previsti per Pfizer, Moderna e AstraZeneca) cade appunto in quei giorni? Potremo fare la seconda dose nel luogo di vacanza o dovremo rimandare la prenotazione del vaccino? Oppure rinunciare addirittura alla vacanza? E' una scelta che nei prossimi mesi potrebbero dover affrontare soprattutto gli over 50. Se un accordo a livello di Conferenza delle Regioni ancora non c'è, alcuni governatori hanno già risposto presente. Come quello della Liguria, Giovanni Toti: "Noi siamo pronti".

Regioni, niente accordo

C'è da dire che sono giorni che se ne parla e lo stesso commissario straordinario Figliuolo aveva caldeggiato la possibilità della seconda dose in vacanza. E anche diverse Regioni si erano organizzate in tal senso. Ma un accordo complessivo non è stato trovato. La vicepresidente della Regione Lombardia, Letizia Moratti, è stata chiara: "In Conferenza Stato-Regioni l’indicazione che è emersa è che è praticamente impossibile, per via della logistica, della tipologia di vaccini e dei medici". Lo scoglio principale? Le Regioni devono mettere a disposizione oltre alle dosi anche il personale.

Covid: il bollettino del 15 maggio

Rt e incidenza: come cambiano i parametri dei colori

Speranza: "Stop alla quarantena per chi arriva dall'Ue"

Il governatore della Liguria

In Liguria Toti risponde presente: "Ho già dato istruzione di vaccinare tutti i residenti temporanei. Vaccineremo anche i turisti. Bisogna intendersi: chi fa il fine settimana e pensa di fermarsi il lunedì per vaccinarsi non verrà vaccinato". Ma chi trascorre l'estate o un lungo periodo in Liguria può fare "una cosa già prevista nell'ordinamento sanitario": iscriversi all'Asl "come residente temporaneo", ha spiegato, e registrare la propria tessera sanitaria per aver
accesso agli stessi sistemi di prenotazione dei residenti.

Cambia il bonus vacanze: ecco come

Il ministro Garavaglia

Sul tema è intervenuto oggi anche il ministro del Turismo, Massimo Garavaglia, che non ha nascosto le difficoltà, dicendosi peraltro fiducioso. "Adesso siamo molto più tranquilli sull'esito del piano di vaccinazioni. E' chiaro ci sarà qualche difficoltà nel fare le vaccinazioni fuori dalla regione di residenza. Però confidiamo che con il generale Figliuolo si riescano a trovare quelle modalità per risolvere anche questo problema, non semplice ma con costanza e organizzazione si riuscirà a trovare la soluzione anche per questo". 

Il sindaco di Ischia

Decisamente favorevole è il sindaco di Ischia, Enzo Ferradino, che dice: "Richiamo del vaccino per i turisti sull'isola? Sarebbe sicuramente una cosa auspicabile, ma chiaramente la gestione delle vaccinazioni non rientra nella sfera di competenza degli Enti Locali. Se la Regione e le Asl dessero il via libera sarebbe certamente un servizio importante, una marcia in più e anche un incentivo per i turisti a venire qui".