Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
22 dic 2021

Covid e quarta dose, i virologi: "Solo con nuovi vaccini. Richiamo ogni tre mesi è troppo"

Il professor Arnaldo Caruso, presidente della Siv-Isv: "Necessario aggiornare i sieri prima che le nuove varianti siano incontrollabili"

22 dic 2021
alessandro belardetti
Cronaca

"Solitamente le vaccinazioni lasciano una memoria immunitaria lunga, ma con un virus così mutato l’antidoto – calibrato su ceppi precedenti – perde efficacia in fretta: è necessario sequenziare i patogeni in modo massiccio per aggiornare le fiale prima che le nuove varianti siano incontrollabili. Fare tre vaccinazioni all’anno non è sostenibile", a lanciare l’allarme è il professor Arnaldo Caruso, presidente della Società italiana di virologia (Siv-Isv) e direttore del Laboratorio di microbiologia dell’Asst Spedali Civili. Insomma, altroché difese immunitarie per 5-10 anni come prospettavano gli esperti. Mascherine FFP2, nuovo decreto: ecco dove sono obbligatorie Covid in Italia: il bollettino del 22 dicembre Professore, gli studi sulla terza dose che dati forniscono sulla durata dell’immunità? "C’è un po’ di caos scientifico, si sa veramente poco. I dati clinici dicono che l’efficacia c’è, molto sui giovani, meno su fragili e anziani. Ma tutto dipende dall’intensità della risposta immunitaria personale. La terza dose, in genere, comincia a perdere forza entro 4-6 mesi". Covid, mappa Ecdc: tutto il Nord Italia in rosso scuro Dato che alcuni Paesi procedono già con la quarta dose, è evidente che la terza non sarà definitiva. "Sì. Una quarta dose dello stesso vaccino, con Omicron molto mutata e che può mutare ancora, non è auspicabile. Serve, per il nuovo richiamo, tra 4-6 mesi un antidoto che sia confezionato anche sulla proteina variante di Omicron". Covid, fonti: ipotesi super Green pass nei luoghi di lavoro Il virologo Abrignani parlò di uno scudo "per cinque o dieci anni con la terza dose". L’arrivo di Omicron ha cambiato le carte in tavola? "Di solito la vaccinazione lascia una memoria che dura anni. Il problema è che abbiamo un prodotto formulato su una sola proteina Spike della vecchia variante, mentre il virus è molto mutato. Gli anticorpi per contattare tutte le mutazioni devono ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?