La protezione dopo la prima dose del vaccino anti Covid
La protezione dopo la prima dose del vaccino anti Covid

Roma, 8 giugno 2021 - La domanda ce la siamo posti tutti in questi mesi di campagna vaccinale, ma è ancora più sentita adesso che ci avviciniamo all'estate ed è possibile che partiamo per una vacanza tanto attesa con alle spalle solo la prima dose del vaccino anti Covid. Allora: dopo quanti giorni dalla prima dose si è protetti, e in che misura, dal rischio di contrarre la malattia?

Covid, il bollettino del 24 giugno

Vaccino Covid: come spostare l'appuntamento regione per regione (prima dose e richiamo)

Vaccino Covid per under 18: cosa sappiamo finora e gli effetti collateralie

Green Pass europeo: via libera Ue

Sommario

Discoteche, verso riapertura a luglio con green pass

Astrazeneca e J&J ai giovani, il Cts verso lo stop. Napoli cancella l'Open day

Johnson & Johnson

Cominciamo dal vaccino Johnson & Johnson che a differenza dagli altri tre comporta una sola inoculazione. Quindi in questo caso abbiamo maggiori certezze. L'Aifa (l'Agenzia italiana del farmaco), sul punto spiega nelle sue Faq: "La protezione con COVID-19 Vaccine Janssen inizia circa 14 giorni dopo la vaccinazione".

Genova, ricoverata dopo il vaccino: è grave

Vaccini, Figliuolo: "Possibile terza dose"

L'Istituto Superiore di Sanità

Per gli altri tre vaccini (Pfizer, Moderna e AstraZeneca) dobbiamo distinguere tra la protezione assicurata a vaccinazione completata (quindi con le due dosi) e quella assicurata - sia pure in modo minore - dopo la sola prima dose che comunque garatisce un tasso di protezione. Ce lo dice nelle Faq, l'Istituto superiore di sanità: "Sebbene, secondo i primi dati riscontrati dalla campagna in corso, anche dopo la prima dose è verosimile che ci sia una certa protezione dal virus, questa non è immediata dopo l'inoculazione del vaccino, ma si sviluppa progressivamente dopo almeno 7-14 giorni dall'iniezione". Quindi la prima risposta è che in ogni caso la protezione comincia a svilupparsi dopo almeno una settimana dalla prima dose.

Gli studi scientifici

Detto questo, non è stato ancora calcolato il tasso di "copertura" da prima dose di ogni singolo vaccino. Però possiamo rifarci a studi che nel Regno Unito hanno preso in considerazione le due tipologie di vaccino: quelli ad Rna messaggero e quelli a vettore virale. In particolare Pfizer e AstraZeneca. Ma che possono essere anche utilizzati per Moderna (Rna messaggero) e Jonhson & Johnson (vettore virale). Bene, secondo questi studi, di cui ha dato conto il prestigioso Bmi (British Journal of Medicine), la prima dose svilupperebbe tutta la sua efficacia dopo 28 giorni. Anche se, come abbiamo visto, comincia a produrre i suoi effetti già dopo una settimana.

L'efficacia

Seconda domanda: si può stabilire qual è il tasso di efficacia della prima dose? Possiamo basarci sempre sugli studi pubblicati dal Bmi, secondo i quali (ci riferiamo sempre a Pzifer e AstraZeneca) dopo la prima dose la possibilità di contrarre il Covid sintomatico è ridotta del 60-70% e quella di contrarre un'infezione che comporti il ricovero in ospedale dell'80%. L’efficacia di Johnson & Johnson è stata stimata del 66,9% per la malattia sintomatica e dell’85,4% per le infezioni gravi.