Vaccino anti-Covid 19, il sondaggio (Ansa)
Vaccino anti-Covid 19, il sondaggio (Ansa)

Roma, 16 dicembre 2020 - Non c’è ancora una data, ma a breve anche in Italia inizierà la campagna di vaccinazione. Ma cosa ne pensano gli italiani, sarebbero pronti a farlo? Otto su dieci dicono sì al vaccino e sarebbero intenzionati a farlo. Anche se oltre la metà dei favorevoli, piuttosto che farlo subito, preferirebbe aspettare qualche mese.

C’è poi chi è restio e non vorrebbe sottoporsi alla somministrazione della propria dose, il 19% per l’esattezza. e' quanto emerge da un sondaggio Emg-Different/Adnkronos.

Vaccino, obbligatorio o facoltatitvo? 

Alla domanda sulla obbligatorietà o facoltatività della somministrazione, il 53% del campione risponde che il vaccino debba essere una libera scelta mentre il 37% ritiene invece che debba essere obbligatorio per tutti, mentre il 10% non risponde. Tra chi opta per il vaccino 'libera scelta', le donne sono il 56% mentre gli uomini il 50%. Diversificata la risposta per fasce d'età: il 62% ha meno di 35 anni, il 58% è nella fascia tra 35 e 54 anni, mentre solo il 44% ha più di 55 anni.

Nella divisione geografica, spicca il 71% del Nordest tra i favorevoli alla libera scelta. Dato che scende al 61% al Sud, al 55% al Nordovest, al 46% nelle Isole, fino al 30% al Centro.

Il 34% farebbe subito il vaccino

Sostanzialmente l'approccio al vaccino è positivo, solo il 19% risponde che se fosse disponibile oggi non lo farebbe. Il 77% del campione, invece, si dichiara disponibile a sottoporsi al vaccino: di questi, il 34% lo farebbe subito senza esitazioni, mentre il 43% aspetterebbe qualche mese prima di vaccinarsi. Il 4% degli intervistati non risponde.

Tra quanti dicono di voler fare il vaccino, l'82% di uomini e il 73% di donne. Risultato diversificato in base alle fasce d'età: sempre sui favorevoli a vaccinarsi, il 63% è under 35; il 71% nella fascia tra i 35 e i 54 anni; ben il 90% ho più di 55 anni.

Numeri alti tra i favorevoli al vaccino nel Nordest con l'87% e al Centro con l'85%. Si scende invece nelle Isole con il 71% e al Sud con il 65%.  

Il sondaggio, rappresentativo della popolazione italiana maggiorenne per sesso, età, regione, classe d'ampiezza demografica dei comuni, è stato realizzato il 14 dicembre 2020 con il metodo della rilevazione telematica su panel, su un campione di 1664 casi (universo: popolazione italiana maggiorenne), e presenta un intervallo fiduciario positivo/negativo del 2,3%. Totale contatti: 2000, tasso di risposta 83%; rifiuti/sostituzioni 336 (tasso di rifiuti 17%).