Covid, vaccinazioni (Ansa)
Covid, vaccinazioni (Ansa)

Roma, 26 aprile 2021 - "L'estate sarà diversa, credibilmente entro giugno avremo concluso la maggior parte degli over 70, quelli che rischiano di più". Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, parlando su Rai News 24, ha fatto un punto sulla campagna vaccinale anti-Covid sul territorio che amministra. "Abbiamo aperto le vaccinazioni alle prima fasce di under 60 - ha spiegato -, perchè sui 60/69 anni siamo al 58% e il 14% ha concluso". E a proposito delle raccomandazioni di Aifa sul non utilizzo di Astrazeneca e Johnson&Johnson agli under 60, il governatore ha avvertito che "bisogna dare una soluzione per il problema di rischiare di non avere vaccini per una certa fascia d'età oppure prendere una decisione più netta e non delegare". "È un problema di tutta Italia - ha aggiunto Zingaretti -. Ci sono altri vaccini, ma è un tema che alla lunga si proporrà". 

Covid, il bollettino con i dati del 26 aprile

Ma è il sottosegretario al ministero della Salute, Andrea Costa, ad annunciare che entro maggio in Italia "dovrebbero arrivare 15 milioni di dosi di vaccini". "Tra oggi e domani saranno in distribuzione circa 400 mila dosi di vaccino - spiega Costa -. Da qui al 5 maggio arriveranno 5 milioni di dosi ed entro maggio ne sono previste altre 15 milioni nel nostro Paese". Anche Paolo Gentiloni rassicura: "Dopo le difficoltà di avvio credo che avremo senz'altro dosi sufficienti di vaccini - ha dichiarato il commissario europeo all'Economia -. Penso che sia stato molto importante avere un procurement di vaccini a livello europeo: proviamo solo a immaginare in che situazione saremmo se non ci fosse stato, con una guerra dei vaccini tra i Paesi europei. Avremmo avuto ottime notizie per il mercato nero e pessime garanzie per i nostri concittadini". Sulle riaperture, invece, oggi è "una giornata particolare - ha aggiunto Gentiloni -, perché segna in Italia, ma per certi versi anche in Belgio, alcune decisioni di riapertura, che vanno gestite con responsabilità e prudenza, ma che sono anche il sintomo di un andamento positivo, dopo i ritardi iniziali delle campagne di vaccinazione". 

India, spaventosa escalation di Covid. L'emergenza spaventa il mondo intero