"Quanto accaduto ad Ankara non si ripeta mai più". Dopo una settimana di gelo per il Sofagate in Turchia (nella foto), la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha incontrato ieri per la prima volta faccia a faccia il presidente del Consiglio Charles Michel. E ha voluto mettere le cose in chiaro una volta per tutte, cercando al contempo di stemperare i dissapori per la mancata...

"Quanto accaduto ad Ankara non si ripeta mai più". Dopo una settimana di gelo per il Sofagate in Turchia (nella foto), la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha incontrato ieri per la prima volta faccia a faccia il presidente del Consiglio Charles Michel. E ha voluto mettere le cose in chiaro una volta per tutte, cercando al contempo di stemperare i dissapori per la mancata reazione del politico belga, che nel corso della visita a Erdogan è rimasto seduto su una poltrona accanto al leader turco mentre la presidente tedesca veniva relegata su un divano a lato dei due. Attriti che avevano offuscato l’immagine della diplomazia dell’Unione e messo in luce le differenze tra le due istituzioni.

Il cielo sembra dunque tornato a essere sereno sopra Bruxelles dopo l’incontro chiarificatore avvenuto a Palazzo Berlaymont, sede dell’esecutivo comunitario, nel classico formato di routine settimanale. Secondo fonti europee, la presidente, in maniera gentile ma ferma, ha chiarito che non permetterà mai più che una situazione del genere si ripresenti un’altra volta.

Ad annunciare il faccia a faccia odierno era stato il portavoce dell’esecutivo comunitario Eric Mamer, precisando che Michel e von der Leyen non erano riusciti a parlarsi in questi sette giorni per svariati motivi. La presidente dopo la visita ad Ankara si era infatti recata in missione in Giordania e poi è andata in Germania per riunirsi alla sua famiglia, che non vedeva da Natale, occupandosi nel frattempo anche dei vari dossier sul tavolo. Una serie di appuntamenti che non le avevano dunque permesso di sentire Michel, secondo la versione ufficiale di Palazzo Berlaymont. Mamer aveva poi assicurato che "la cooperazione fra von der Leyen e Michel continuerà nell’interesse dell’Ue e dei cittadini", ricordando come la scorsa settimana la stessa presidente avesse chiesto ai suoi servizi di contattare i loro omologhi in Consiglio sull’accaduto per cercare un "modus vivendi" con l’obiettivo di evitare che simili situazioni non si ripetano in futuro.