Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
27 mag 2022

Un’estate fa c’era il calcio, almeno quello

27 mag 2022
matteo
Cronaca

Matteo

Massi

Aveva ragione il Califfo, inteso come Franco Califano (1938-2013), quando cantava: "Un’estate fa La storia di noi due Era un po’ come una favola". E la favola, dodici mesi fa, l’abbiamo vissuta davvero. Almeno calcisticamente parlando. Quell’Italia di Roberto Mancini che si preparava agli Europei – che poi avrebbe vinto – era un’ipoteca sul (nostro) futuro radioso. Che ci serviva a mettere alle spalle una stagione difficile – l’inverno più duro – dopo il secondo anno passato chiusi in casa per il lockdown. Tutto (o quasi) sembrava possibile, anche che una nazionale di calcio – che non si era riuscita a qualificare ai mondiali tre anni prima – potesse arrivare fino in fondo. Un anno ed è già nostalgia, come di un amore nato e finito nell’intervallo della stagione più calda ("Ma l’estate somiglia a un gioco È stupenda ma dura poco") perché l’estate che ci si para all’orizzonte, non induce all’ottimismo: non solo sportivo. Quello che sembrava un incidente di percorso, si è ripetuto: niente qualificazioni ai mondiali per la seconda volta di fila. E poco importa che i mondiali, questa volta, si giocheranno in inverno, perché saranno in Qatar.

Quest’Italia è spaventata. E torniamo alle cose serie. Forse più spaventata di un anno fa, perché la pandemia è stata sostituita da una guerra, i cui effetti sono soprattutto economici. Ieri il rapporto Eurispes raccontava come l’87,3% teme una crisi energetica. Il combinato disposto pandemia-guerra ingigantisce le preoccupazioni per una ripresa che non sarà così rapida come si sperava (già tagliate le stime) e la metà delle famiglie è costretta a ricorrere ai risparmi (sempre fonte Eurispes).

È passato un anno, ma sembra trascorsa un’era geologica. E questa volta non c’è nemmeno la distrazione sportiva. L’unica certezza è un’altra estate (per fortuna) in arrivo e quella domanda che Fabrizio De André (1940-1999) che canta in "Canzone per l’estate": "Com’è che non riesci più a volare?". Che poi quel volare è un po’ come sognare. E chiederselo è (sempre) necessario.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?