Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
7 dic 2021

Una mossa attesa Tasse nel mirino

I due sindacati proclamano 8 ore di fermata il 16 dicembre. Il governo non ci sta, ma continua a trattare

7 dic 2021
Maurizio Landini, 60 anni, leader Cgil
Maurizio Landini, 60 anni, leader Cgil
Maurizio Landini, 60 anni, leader Cgil
Maurizio Landini, 60 anni, leader Cgil
Maurizio Landini, 60 anni, leader Cgil
Maurizio Landini, 60 anni, leader Cgil

di Claudia Marin ROMA I vertici di Cgil e Uil (senza la Cisl) proclamano il primo sciopero generale dall’inizio della pandemia per il prossimo 16 dicembre, contro la manovra e il taglio dell’Irpef. E fanno saltare quell’unità nazionale che, sotto la regia di Mario Draghi, ha assicurato la più alta crescita del Pil d’Europa, sopra il 6,3%. Uno strappo in piena regola (definito "incomprensibile" da Palazzo Chigi e bocciato come "sbagliato e foriero di una radicalizzazione del conflitto" da Luigi Sbarra) che imbarazza Pd e Leu e che arriva nelle stesse ore nelle quali la direttrice operativa dell’Fmi, Kristalina Georgieva, annuncia il suo endorsement alle misure del governo contenute nella manovra e al nostro Recovery Plan: "Go, Italy, go. Congratulazioni all’Italia per questo livello di forte crescita". La rottura era nell’aria da giorni, dopo la spaccatura della maggioranza sul congelamento della riduzione delle tasse per i redditi più alti e dopo l’incontro con Daniele Franco e lo stesso premier la settimana scorsa. Ma a Palazzo Chigi, come a Via Po, ci si attendeva che la decisione dello sciopero potesse essere sospesa in attesa dei prossimi incontri in programma. Maurizio Landini e PierPaolo Bombardieri hanno giocato d’anticipo, però. E la mossa ha suscitato sorpresa e irritazione sia in Draghi sia in Sbarra, numero uno della Cisl. Da qui la reazione di entrambi. La legge di bilancio "è espansiva e sostiene con i fatti lavoratori, pensionati e famiglia", fanno sapere dalla sede del governo. "Non è vero che questa finanziaria dà meno a chi ha meno. I numeri – spiegano in ambienti vicini all’esecutivo – mostrano una manovra espansiva che accompagna fuori da questa drammatica emergenza fronteggiando situazioni di disagio e di potenziale impoverimento". Parole dure che, però, non escludono l’avvio di una trattativa per trovare una soluzione che scongiuri lo sciopero. Sarebbero previsti, ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?